Venerdì, 14 Maggio 2021
Politica Via San Bartolomeo

Brescia: scontri anti-Renzi, in arrivo una ventina di denunce

Matteo Renzi a Brescia, il giorno dopo: in arrivo una ventina di denunce tra i manifestanti del corteo antagonista. Ma dalla sede di Radio Onda d'Urto i centri sociali esprimono soddisfazione: "Gli abbiamo rubato la scena"

“I manifestanti hanno spinto violentemente una squadra dell’Arma dei Carabinieri, a ridosso del muro, nel tentativo di strappare ai militari in assetto di difesa gli scudi e i manganelli, provocando così al sostituto Commissario e ad un Carabiniere lesioni giudicate guaribili rispettivamente in 20 e 7 giorni”. Così la Questura di Brescia a conclusione della lunga mattinata calda, in occasione delle visita bresciana del premier Matteo Renzi, dove non sono mancate tensioni, cariche e lancio di oggetti.

Renzi a Brescia: manganellate e agenti feriti, tangenziale occupata
FOTO: Renzi a Brescia, scontri e proteste
VIDEO: Le manganellate sui manifestanti

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BresciaToday/201440466543150

Lo scontro fisico tra le forze dell’ordine e circa il centinaio di manifestanti del gruppo degli antagonisti, centro sociale Magazzino 47 in testa. Ma per cui potrebbero scattare almeno una ventina di denunce, per altrettanti manifestanti, per reati come resistenza, minacce, oltraggio a pubblico ufficiale. Ma anche per aver modificato il percorso prestabilito del corteo.

Nello scambio di accuse anche la denuncia, da parte degli attivisti del Magazzino in conferenza stampa, nei confronti di quel dirigente di Polizia “che in un momento di tensione ha estratto un coltello a serramanico”. Per la Questura invece si tratterebbe di un taglierino, “utilizzato per tagliare delle fascette sulle transenne”. Dalla sede di Radio Onda d’Urto intanto gli antagonisti cantano vittoria. Almeno finché non arriveranno le denunce.

“Abbiamo ottenuto un grande risultato – spiegano – Abbiamo fatto vedere a Renzi che ci siamo anche noi, e che se vogliamo possiamo contestarlo davvero. Gli abbiamo rubato la scena, lo abbiamo costretto ad entrare e uscire di nascosto. E tutti parlano della nostra manifestazione”. Questo l’obiettivo da raggiungere, allora: un po’ di ‘sana’ visibilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: scontri anti-Renzi, in arrivo una ventina di denunce

BresciaToday è in caricamento