Adeguamento delle sale di spettacolo: "Regione Lombardia si dimentica dei comuni"

Nel bando per la riqualificazione dei teatri e sale di spettacolo Regione Lombardia esclude dalla partecipazione i Comuni.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Egregio Direttore, chiedo la possibilità di avere uno spazio sul suo giornale per segnalare quella che a mio avviso è una grande scorrettezza, credo consapevole, compiuta dalla Giunta Regionale Lombarda. Sul sito della Regione è stato pubblicato un avviso dal titolo “Approvati i requisiti e i criteri per l'adeguamento delle sale per attività di spettacolo 2020” in cui la Giunta di Regione Lombardia con D.g.r. 16 dicembre 2019 - n. XI/2640 definisce le linee guida per un futuro bando per l’adeguamento delle sale di spettacolo (teatri, cinema, sale audiovisive, …).

Nello scorrere questi requisiti, molto belli e condivisibili nelle finalità e nella dotazione finanziaria, scopro con molto stupore che i Comuni saranno esclusi dalla possibilità di partecipare a questo bando. Per quale motivazione mi chiedo? Sono ammessi giustamente enti e istituzioni ecclesiastiche, soggetti privati e ditte individuali, piccole e medie imprese ma NON i Comuni, Province, Comunità Montane e Unioni di Comuni. Non sarebbe stato meglio permettere a tutti i soggetti di poter concorrere al bando e dare la possibilità a chi presenta il miglior progetto di essere finanziato?

L’esclusione degli enti locali più prossimi ai cittadini, quali i Comuni, che poi hanno spesso la proprietà e la gestione della gran parte dei teatri e sale di spettacolo lombarde non fa certo lustro alla Giunta targata Lega e destra, che governa Regione Lombardia e si fa spesso paladina delle istituzioni comunali e del federalismo. Come Amministratore Locale e Assessore ai Lavori Pubblici di Borgosatollo, credo che questa sia una scelta che penalizza gli Enti che Regione Lombardia dovrebbe maggiormente tutelare e finanziare con soldi pubblici. Confido che anche ANCI Lombardia e altri Comuni chiedano conto di questa scelta, che magari, non essendo ancora uscito il bando ufficiale, possa essere ancora modificata. Marco Frusca Borgosatollo

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento