Salsicce e focacce: in Regione le spese folli dei leghisti bresciani

Prime sentenze di rimborso per i consiglieri regionali della Lega Nord: Alessandro Marelli e Pierluigi Toscani dovranno rimborsare (in due) la bellezza di 60mila euro, parte dei quali in arrivo dal partito e dall'ex ufficio di presidenza

Spese folli in Regione: migliaia di euro dal macellaio

La Corte dei Conti è arrivata (finalmente) in Regione Lombardia. Ha presentato il conto, e non è un gioco di parole, ai consiglieri dell’ex giunta regionale di Roberto Formigoni – poi dimesso – per quanto riguarda i cosiddetti rimborsi facili. Spese folli o quasi che ai politicanti lombardi venivano interamente rimborsate, anche se tutt’altro che relative all’attività politica.

E così i capi d’accusa variano parecchio. Colpe gravi per i giudici della Corte, anche se una realtà talmente diffusa che tanti l’han fatto perché “lo facevano tutti”, quasi come fosse consentito dal regolamento. Ma se per alcuni di loro c’è l’attenuante di alcune spese considerate “sostanzialmente ammissibili” – dalla cancelleria alle riviste ai libri – per altre non c’è proprio alcun alibi.

Per il momento in testa alla graduatoria non può che esserci Alessandro Marelli della Lega Nord, il primo insieme al collega di Carroccio Pierluigi Toscani dovrà presto rimborsare laute cifre, anche a quattro zeri. Oltre 30mila euro per Marelli, che ai tempi dei rimborsi facili si faceva ‘stornare’ dalla Regione spese di macelleria (dal suo macellaio di fiducia), di panetteria e di ferramenta.

Soldi pubblici spesi, secondo la Corte dei Conti, esclusivamente per “esigenze personali di approvvigionamento”. Forse va un po’ meglio a Toscani, che dovrà rimborsare ‘solo’ 15mila euro: l’altra metà infatti arriverà direttamente dalle tasche della Lega Nord, e dell’ormai ex ufficio di presidenza della Regione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Toscani non ci è andato comunque leggero: solo per cene e ristorazione avrebbe speso la bellezza di 25mila euro, poi ovviamente rimborsati. Altri sette consiglieri intanto, tra maggioranza e opposizione, hanno già restituito circa 135mila euro alle casse dello Stato, prima che Procura e Corte dei Conti arrivassero a bussare alle loro porte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento