Regione Lombardia, il presidente Fontana riceve il ministro degli affari esteri ungherese

Incontro mercoledì sera a Palazzo Lombardia

Incontro mercoledì sera a Palazzo Lombardia tra il presidente della Regione Attilio Fontana, accompagnato dal Sottosegretario con delega ai rapporti con le delegazioni internazionali Alan Christian Rizzi, e una delegazione dell'Ungheria composta dal ministro degli Affari esteri e del commercio Péter Szijjártó, dal vice Segretario di Stato per lo sviluppo delle Relazioni con Europa e America, Ferenc Kumin, dal Console Generale a Milano, Jenő Csiszár, e dal Console Márk Berényi.

"L'interscambio tra Lombardia e Ungheria - ha detto il presidente - č costantemente in crescita, grazie anche agli incentivi offerti dal Paese di Orbán. Nel 2017 ha raggiunto i 3,55 miliardi di euro (1,55 di export e 2 di import) con un incremento del 15 per cento rispetto all'anno precedente. I primi dati 2018, relativi al semestre gennaio-giugno, confermano questo trend". 

"Esportiamo - ha aggiunto il presidente Fontana - soprattutto macchinari e apparecchi, prodotti in metallo, prodotti chimici. Importiamo computer e apparecchiature elettroniche e ottiche, mezzi di trasporto, prodotti chimici, prodotti alimentari. Con il ministro abbiamo affrontato i temi della migrazione e del percorso verso l'autonomia intrapreso dalla nostra regione oltre a condividere la volontà di consolidare e sviluppare i rapporti di interscambio, importanti soprattutto per le nostre piccole e medie imprese".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento