Lombardia "a statuto speciale": ecco i soldi per il referendum

Via libera al finanziamento, ma - affinché si tenga il referendum - serve l'approvazione di una maggioranza qualificata dell'aula

Il Pirellone con il logo di Expo 2015

Approvata al Pirellone la manovra di assestamento al bilancio 2014-16, in cui è previsto lo stanziamento di trenta milioni di euro per tenere un referendum consultivo sull’ipotesi che la Lombardia diventi Regione a statuto speciale.

La scelta è stata "salutata" dai consiglieri maroniani con applausi e lo slogan "Referendum, referendum!".

La manovra prevede che i fondi siano spesi in due tranche: due milioni quest’anno e 28 nel 2015. Ma perché si tenga il referendum - che ha valore meramente consultivo, dal momento che solo il Parlamento può inserire la Lombardia nelle Regioni a statuto speciale, attraverso una modifica della Costituzione - occorre il via libera di una maggioranza qualificata dell’aula.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento