Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Patto stabilità, PD: "Maroni fa propaganda sulla macroregione"

Il Partito Democratico contro la delibera indicata dalla Giunta come un atto riferibile a una 'macroregione' del nord formata da Lombardia, Veneto e Piemonte. La replica della Lega

Il capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Alfieri

I provvedimenti annunciati dalla Giunta Maroni per il patto di stabilità territoriale sono "prove tecniche di macroregione deludenti" e frutto di "propaganda". Lo afferma in una nota il capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Alfieri, a proposito di una delibera approvata dalla prima riunione di Giunta presieduta da Roberto Maroni e indicata dalla stessa come un atto riferibile a una 'macroregione' del nord formata da Lombardia, Veneto e Piemonte.

"Ogni regione italiana fa da sé, come prevede la legge - ricorda Alfieri in una nota -. Non solo, le risorse di quest'anno sono drammaticamente diminuite: per la Lombardia ammontano a 134 milioni di euro a fronte dei 210 milioni dell'anno scorso, e per una platea molto più ampia di comuni, perché nel 2013, a differenza del 2012, entrano nella ripartizione delle risorse anche il comune di Milano oltre a tutti i comuni tra i mille e i cinquemila abitanti, prima esclusi dal rispetto del patto di stabilità. Peraltro, queste risorse sono per l'80% messe a disposizione dallo Stato, mentre alle Regioni viene chiesto di contribuire con il restante 20%".

Il capogruppo del Pd insieme al suo vice Enrico Brambilla propone dunque "di attuare al più presto la regionalizzazione del patto di stabilità, che in Lombardia significherebbe liberare risorse per 9 miliardi di euro. E di aprire presto un cantiere per costruire insieme ai comuni nuovi criteri di riparto e incentivazione".

L'assessore all'Economia della Lombardia, il leghista Massimo Garavaglia, replica così alle critiche piddine: "Questo primo acconto del Patto di Stabilità verticale consente ai Comuni lombardi di avere da subito a disposizione la cifra di 134 milioni di euro, se invece avessimo aspettato di mettere mano al bilancio per aumentare la cifra avremmo dovuto aspettare dei mesi e avremmo rischiato di trovarci nella situazione dell'anno scorso in cui tanti Comuni non hanno poi fatto in tempo a spendere le cifre a loro destinate".


"Abbiamo preferito - prosegue Garavaglia - dare fin da subito tutto quanto già disponibile, ma contiamo di spuntare dal Governo un'altra tranche in modo da pareggiare l'importo di 210 milioni stanziato l'anno scorso, senza mettere soldi freschi della Regione Lombardia". Secondo l'assessore, infine, "questa cifra di 134 milioni è stata ottenuta grazie al decisivo pressing della Lega in Parlamento: la tabella inizialmente approvata dal Governo, e sostenuta dal Pd, prevedeva una cifra nettamente inferiore di circa una cinquantina di milioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patto stabilità, PD: "Maroni fa propaganda sulla macroregione"

BresciaToday è in caricamento