Politica

Mario Sberna nella bufera: "Niente diritti ai gay, una lobby di milionari"

Il parlamentare bresciano Mario Sberna (ex Scelta Civica) si scatena contro prostitute e omosessuali nel corso della trasmissione radiofonica La Zanzara. Accuse pesantissime alla comunità gay

Il parlamentare bresciano Mario Sberna, ex montiano di Scelta Civica e ora nel gruppo di Democrazia Solidale, si scaglia contro prostitute e omosessuali nel corso della sua ultima intervista, andata in onda per la Zanzara di Radio 24, noto programma radiofonico e dissacrante condotta da Giuseppe Cruciani e David Parenzo.

Sberna ci va tutt’altro che leggero: membro dell’associazione famiglie numerose e del forum delle associazioni familiari, da sempre si è dichiarato contro le unioni civili. Se la prende prima di tutto con il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e sulle sue più recenti proposte: un quartiere a luci rosse, un registro per le unioni civili, anche omosessuali.

“Dovrebbe aiutare chi sta al freddo, invece di registrare i matrimoni gay. E il quartiere a luci rosse? Assurdo. La donna non serve a soddisfare in cambio di denaro le nostre paturnie. Chi va con le prostitute ha dei problemi, deve essere rieducato sul significato di donna e persona umana. E’ peggio di un animale”.

E questo è solo l’antipasto. Perché poi, trascinato dal momento, Sberna si scatena davvero. “Dietro ai gay c’è una lobby, lo sanno tutti – spiega – Hanno un grosso potere economico, sono tutti milionari. Basta guardarli per capire che sono pieni di soldi. E se vanno a New York a sposarsi è perché possono permetterselo”.

“Dovremmo aiutare chi ha davvero bisogno. I poveri non sono quelli che vanno sui giornali e in tv a gridare per i diritti. Ma quali diritti? Per i gay? Non scherziamo. C’è gente in mezzo alla strada da anni e se ne fregano tutti. E Scalfarotto (parlamentare omosessuale, ndr) lo porto a pedate nel sedere alla stazione Termini a guardare i poveri! Poi mi dirà qual è la vera priorità del Paese”.

L’indignazione intanto corre veloce. Tra i bresciani si segnala lo sfogo di Luca Trentini, attivista omosessuale, militante per i diritti civili di gay, lesbiche e trans, già segretario nazionale dell’Arcigay. “Un delirio omofobico – scrive su Facebook – Sberna ha vomitato odio, ha avuto il coraggio di gridare una serie di porcherie, indegne anche per una bettola di paese”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Sberna nella bufera: "Niente diritti ai gay, una lobby di milionari"

BresciaToday è in caricamento