Maria Stella Gelmini: leader del PDL bresciano?

Venerdì scorso il PDL bresciano ha presentato la prossima assemblea degli iscritti. Tra analisi del voto e rilancio del partito si è parlato anche di leader locali tra cui spicca il nome del ministro Gelmini

Il PDL bresciano ha tenuto lo scorso fine settimana un incontro pubblico a cui è accorsa stampa e cittadinanza e si è interrogato sui risultati elettorali, sul suo ruolo nel territorio bresciano insieme a tutti i big locali e nazionali.

L'appuntamento della scorsa settimana è servito a fare da apripista all'assemblea provinciale che si terrà il prossimo 2 luglio, all'indomani del consigio nazionale che eleggerà il nuovo coordinatore nazionale del PDL nella figura di Angelino Alfano.

Il PDL bresciano trova da tempo una sua unitarietà e una forza territoriale anche nel numero di tesserati oltre 14mila, un numero notevole se si nota che Milano ne ha appena 4mila.

Visti i recenti risultati elettorali allora quali gli impegni del PDL bresciano, sicuramente quello di rilanciare la sfida: " Avviare un dialogo costruttivo e costante - ha spiegato la coordinatrice Beccalossi -. Non abbiamo scuse per non dialogare e la nostra a sfida è quelal di radicarci ancor di più sul territorio"

Nella forza elettorale, territoriale e partecipativa del PDL si insinua però anche la necessità di aver dei leader carismatici sul territorio che possano poi trainare il partito anche a livello nazionale.

Per questa carenza si è fatto il nome di uno dei ministri di spicco del PDL bresciano, Maria Stella Gelmini che però ha ribadito che il PDL ha un unico leader che è Silvio Berlusconi e semmai l'unica necessità per rilanciare l'azione del Partito è proprio il legame con i territori e con il coinvolgimento della classe dirigente. Il PDL della fase due per Maria Stella Gelmini dovra essere : "più interclassista, sarà sempre più attento alle fasce deboli, dovrà offrire ai giovani un futuro di speranze anzichè di depressione, e dovrà essere anche il partito delle riforme. A partire dalla riforma fiscale, la più attesa, una sfida alla quale un territorio come la provincia di Brescia potrà e dovrà dare un contributo decisivo"

 




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento