rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica Manerbio

Manerbio: terremoto in municipio, si dimettono due assessori

Terremoto in giunta a Manerbio: si sono dimessi gli assessori Paola Masini e Paolo Vittorielli. Il sindaco annuncia un rimpasto

“Con profondo dispiacere e rammarico abbiamo presentato le nostre dimissioni dalla carica di assessore del Comune di Manerbio. Una scelta drastica e sofferta, ma ormai inevitabile, che trova la sua giustificazione in una profonda e insanabile rottura nel gruppo della giunta, determinata da una visione politica diametralmente opposta. Quali rappresentanti della civicità di questa amministrazione, non possiamo supinamente accettare atti di forza ideologici che mettono a rischio la continuità di questa maggioranza. Rinnoviamo la fiducia al sindaco Samuele Alghisi, vittima a nostro avviso di pressioni inaccettabili”.

E' questa la nota con cui Paola Masini e Paolo Vittorielli annunciano le dimissioni dalla giunta di Manerbio, in cui rispettivamente ricoprivano il ruolo di assessore al Bilancio e assessore ai Lavori pubblici. A scatenare il piccolo terremoto in giunta sarebbe stata una lettera inviata da altri componenti della maggioranza.

Dimissioni irrevocabili: al via il rimpasto

A nulla sarebbero servite, dunque, le trattative intavolate dal sindaco Alghisi (che, ricordiamo, è anche presidente della Provincia di Brescia) in questi ultimi giorni: le dimissioni sono arrivati come irrevocabili e tali sono rimaste. Per la cronaca, all'indietro non si torna dei due assessori si aggiungono anche le dimissioni di Mara Pazzini, consigliera e capogruppo di maggioranza.

Una situazione complicata, ma non irrisolvibile: non ci sarà nessuna caduta dal “governo” manerbiese, quanto piuttosto un rimpasto. Il primo cittadino ha già annunciato, infatti, l'avvio di una trattativa per la nomina di due nuovi assessori. Nei prossimi giorni sono attesi i nomi dei nuovi componenti della giunta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manerbio: terremoto in municipio, si dimettono due assessori

BresciaToday è in caricamento