Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Regione Lombardia: approvata la legge "ammazza boschi"

Si potranno tagliare alberi fino a 30 anni (in montagna) o 15 anni (pianura). E via libera alle gare di motocross sui sentieri

L'hanno soprannominata "legge ammazza-foreste". E' il nuovo provvedimento approvato dal consiglio regionale nel pomeriggio di martedì sul "recupero di aree boschive", che ha nettamente diviso l'aula tra chi, favorevole, pensa che andrà soprattutto a vantaggio del recupero di boschi abbandonati in favore dell'agricoltura, e chi, contrario, teme un regalo ai costruttori.

Se il terreno verrà destinato ad attività produttiva, si potranno tagliare alberi fino a 30 anni (in montagna) o 15 anni (in pianura). La legge amplia inoltre il numero di possibili interventi edilizi che i comuni potranno autorizzare, di qui il timore del centrosinistra che ha votato contro (24 no) insieme al Movimento 5 Stelle.

"Abbattere senza autorizzazioni, senza piano forestale, senza compensazioni aree boscate di montagna e di pianura. Cioè il nostro paesaggio che, insieme all’arte e alla cultura, è il nostro vero petrolio", attaccano Marco Carra e Agostino Alloni (Pd), mentre Carlo Malvezzi (Ncd) ritiene che sia stato "tolto un balzello inutile, che frenava la crescita delle imprese".

Legambiente promette già battaglia in sede governativa. Anche perché un altro punto della legge - anch'esso molto criticato - dà il via libera a manifestazioni motorizzate sui sentieri, in pratica le temute gare di motocross.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Lombardia: approvata la legge "ammazza boschi"

BresciaToday è in caricamento