Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Scintille Formigoni-Lega. Il Celeste ha incontrato un uomo della 'ndrangheta?

Continua lo scontro tra l'ex governatore e i lumbard sulla data delle elezioni e il candidato di coalizione: i seguici di Maroni non vogliono Albertini, ma il Celeste insiste. Su 'Repubblica' un'intercettazione in cui si parla dell'incontro tra Formigoni e un medico della 'ndrangheta"

Roberto Formigoni, durante un incontro con i giornalisti in cui si è fatto il punto sulla crisi politica in Lombardia, ha ribadito la sua convinzione che sia utile convocare le elezioni regionali anticipate il 16 dicembre, anche a costo di rinunciare alle primarie per la scelta del suo successore alla presidenza della Regione.

"Io sono stato tra i primissimi a invocare il metodo delle primarie, che andrebbe stabilito per legge", ha spiegato Formigoni, ma ha subito aggiunto rispondendo a una domanda, "é vero che se si va a votare il 16 dicembre le primarie non saranno possibili, saranno possibili se si voterà il 27 gennaio: bisogna scegliere il male minore. E' maggiore il male di non fare le primarie o di lasciare per lungo tempo senza un governo la Lombardia?".

Ricordando la telefonata di ieri con il premier di Mario Monti sul tema, il governatore uscente ha confermato che "tra domani e mercoledì" avrà un incontro a Roma con il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri per affrontare gli aspetti tecnici.

Sugli aspetti politici Formigoni ha confermato la sua contrarietà a che il candidato del centrodestra sia espresso dalla Lega, perché a suo giudizio "deve necessariamente appartenere al Pdl: non si può dare la terza presidenza di Regione del Nord a una Lega che ha un terzo dei nostri voti".

Questo, ha concluso Formigoni, non solo sarebbe "folle e demenziale", ma sottovaluterebbe che "la stragrande maggioranza dei lombardi ha le scatole piene di una Lega prepotente che rompe i patti".

I rapporti con la Lega intanto continuano ad essere tesi, soprattutto quando si parla di chi sarà il nuovo presidente della Lombardia. Formigoni continua a puntare sull'ex sindaco di Milano, e il Carroccio continua a stopparlo.

"Formigoni incorona Albertini come suo successore - ha scritto il segretario della Lega Lombarda Matteo Salvini su Facebook - A me interessa chi incoroneranno i cittadini lombardi".

Intanto, su alcuni quotidiani di oggi - tra i quali 'La Repubblica' - è uscita la notizia di un incontro del Celeste con il medico Marco Scalambra, ritenuto collettore di voti per la 'ndrangheta: in una telefonata con il sindaco di Sedriano (Milano) avrebbe parlato di un incontro con Formigoni e con un certo Alessandro che, per gli investigatori, è l'ex assessore Alessandro Colucci, figlio dello storico questore della Camera Francesco Colucci.


Nel pomeriggio è arrivata la presa di distanza dell'ex governatore: "Non ho mai visto né conosciuto il medico Scalambra come riportato da alcuni organi di stampa, né tantomeno lo ha incontrato. Trattasi della classica

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scintille Formigoni-Lega. Il Celeste ha incontrato un uomo della 'ndrangheta?

BresciaToday è in caricamento