menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoratori in difficoltà? La giunta Formigoni: "Pagate i ticket sanità"

Il saluto della giunta Formigoni: approvata (il 7 novembre) la delibera che peggiora le condizioni di esenzione dal ticket ai lavoratori in difficoltà

Dal 1° Gennaio 2013 tanti lavoratori colpiti dalla crisi dovranno pagare il ticket sui farmaci e sulle prestazioni ambulatoriali:

- Per i disoccupati e i loro familiari, l'esenzione sarà esigibile se il loro reddito familiare è pari o inferiore a 27mila euro anno.

- Per i lavoratori in cassa integrazione straordinaria, o in deroga, o in mobilità,l'esenzione sarà esigibile solo se la loro retribuzione, composta da reddito da lavoro e integrazione Inps, non superi i massimali mensili previsti dalla Circolare n. 20 dell’INPS del 8.2.2012.in questo caso il riferimento è al salario del singolo lavoratore. Sarà estremamente improbabile poter esercitare il diritto all'esenzione in quanto se si lavora anche poche ore si supera il massimale, inoltre il massimale si aggiorna di anno in anno quello del 2013 ( anno di riferimento) sarà più elevato del 2012.

- Per i lavoratori in contratto di solidarietà l'esenzione sarà esigibile solo se la loro retribuzione, composta da reddito da lavoro e integrazione Inps, non superi i massimali mensili previsti dalla Circolare n. 20 dell’INPS del 8.2.2012 ( massimale che viene aggiornato ogni anno) rendendo improbabile per i lavoratori interessati il poter fruire dell'esenzione in quanto i riferimenti salariali non sono rapportati ai massimali mensili previsti dall'Inps ma in percentuale sul salario del lavoratore.

Le esenzioni attualmente in vigore erano state previste dalla giunta, a partire dal 2009 ed a seguito di un accordo con le parti sociali, nell’ambito di una serie di misure di contrasto degli effetti della crisi economica sulle fasce sociali più disagiate, erano state poi ampliate successivamente (lavoratori con contratto di solidarietà) e non prevedevano alcun limite di reddito.

"Non ci risulta - commenta la Cgil - che gli effetti della crisi siano oggi meno pesanti del 2009 e che siano quindi venute meno le ragioni che allora avevano suggerito misure di maggior tutela delle fasce più deboli.? Ancora una volta i tagli sono indiscriminati e colpiscono lavoratori e lavoratrici in difficoltà".


(fonte: Cgil)


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento