Fanno picnic e vengono sanzionati: Iseo, le ragioni di una multa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

La vicenda della sosta dei camper è da anni motivo di polemica nelle località turistiche. Anche Iseo non sfugge alla regola: nei giorni scorsi un gestore di campeggio aveva scritto a giornali lamentando la presenza di molti camper nelle aree di sosta del capoluogo sebino, e la vicenda era stata anche oggetto di un'interpellanza presentata dal Consigliere di Minoranza Luca Romele, capogruppo di "Iseo anch'io".

La normativa in merito, e l'ha ricordato nella sua risposta il Sindaco, è tuttavia chiara e impedisce alle Amministrazioni di vietare la sosta dei camper nei parcheggi, essendo questi mezzi equiparati dalla norma in tutto e per tutto alle auto. In passato molti Comuni sono stati condannati dai Tar e lo stesso Comune di Iseo, in seguito ad una sentenza, era stato obbligato a togliere i cartelli di divieto.

La stessa legge, tuttavia, prevede espressamente che mentre la sosta non può essere sanzionata, non sia consentita un'attività per così dire "campeggistica": e proprio sulla base di tale norma nel week end la Polizia Locale di Iseo ha sanzionato un equipaggio di camper che aveva allestito al di fuori del mezzo, in un parcheggio di Iseo, un tavolino con tanto di sedie per il pranzo all'aperto. Oltre 150 euro di multa al posto dei pochi euro che sarebbero costati ai turisti per sistemare il camper in una delle aree attrezzate all'interno dei molti campeggi di Iseo. Che offrono, tra l'altro, servizi igienici, aree ombreggiate dove sostare e la tranquillità di un luogo adeguato.

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento