rotate-mobile
Politica

Cogeme: licenziato Mazzata, ex segretario della fondazione

Mazzata aveva denunciato di essere stato sollevato dall'incarico di segretario perché "non in linea con la Lega"

Simone Mazzata, ex segretario della Fondazione Cogeme che ha aperto al Tribunale del lavoro di Brescia "un'azione civile contro la discriminazione" nei confronti di Cogeme e della stessa Fondazione, è stato licenziato.

Nei mesi scorsi Mazzata aveva denunciato, anche grazie all'appoggio della Cgil, di essere stato sollevato dall'incarico di segretario della Fondazione Cogeme perché "non in linea con la Lega, subentrata dopo la vittoria alle recenti amministrative".

Al suo posto è stata nominata Alessandra Tabacco della Lega Nord. L'ex segretario della Fondazione, che in Cogeme ha lavorato per circa 20 anni come comunicatore d'azienda, ha inviato una lettera ai 70 Comuni bresciani e bergamaschi azionisti di Cogeme, nella quale Mazzata riassume le tappe che hanno portato al licenziamento.

"La motivazione è risibile: dal momento che i servizi di comunicazione (che evidentemente servono) sono appaltati all'esterno - scrive Mazzata - non c'è bisogno di un comunicatore dipendente. Quindi via: cacciato dall'oggi al domani".


"La palese ingiustizia di cui sono stato oggetto - scrive ancora l'ex segretario - deve essere conosciuta dagli azionisti, perché rappresenta qualcosa che non si era mai visto e tollerato. Da oggi tutti i dipendenti del Gruppo sapranno che, al di là delle loro capacità e del loro impegno, potranno in ogni momento essere gettati via, se non utili a qualche disegno di potere".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cogeme: licenziato Mazzata, ex segretario della fondazione

BresciaToday è in caricamento