Niente festa del PD a Oltremella: negata l'autorizzazione

La consuete festa del Partito Democratico di Brescia non si svolgerà quest'anno all'Oltremella. Dopo il diniego all'utilizzo dell'area non sono arrivate autorizzazioni per aree alternative dove svolgere il democratic party

Il partito democratico di Brescia in questi giorni avrebbe dovuto svolgere la consueta festa estiva del partito all'Oltremella, ma la macata autorizzazione dell'amministrazione comunale ha impedito lo svolgimento della festa democratica.

In una nota di stampa diffusa dal Partito democratico di Brescia si possono leggere le motivazioni dell'annullamento del ritrovo estivo per i democratici bresciani: " La festa non ha luogo a causa del divieto della giunta Rolfi-Paroli, divieto totalmente pretestuoso, tant’è che ad oggi quasi tutta l’area da sempre utilizzata per la festa, è nelle stesse condizioni degli anni passati".

Il divieto pare sia giunto per alcuni interventi posti in essere dall'amministrazione comunale proprio nell'area della festa, interventi ritenuti irrilevanti al fine del rilascio delle autorizzazioni: "L’unico affrettato intervento risulta la realizzazione di un minuscolo parcheggio sterrato in una delle poche zone della città dove i parcheggi abbondano, a 100 metri si trova quello del Polivalente e a 30  metri quello di fianco alle Poste".

Se l'Oltremella non era utilizzabile però non sono nemmeno state concesse al PD cittadino aree alternative per la loro festa:"L’amministrazione non ci ha concesso altre zone alternative nella zona dell’Oltremella dove poter svolgere la festa. Proprio in seguito a questi divieti, in data 6 maggio il PD ha fatto richiesta di poter organizzare la festa nell’area utilizzata dal Luna Park. A tutt’oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta da parte dell’amministrazione comunale, nonostante, di norma, queste pratiche vengano risolte in pochi giorni".

Il PD bresciano con il segretario cittadino Giorgio De Martin e il coordinatore del circolo ovest Tommaso Gaglia chiedono risposte immediate all'amministrazione, risposte attese da oltre un mese: "E’ del tutto evidente che il sindaco e il suo vice stanno cercando di intralciare in tutti i modi la festa del PD, il loro è il classico atteggiamento stizzito e vendicativo di chi cerca comunque di mettere i bastoni tra le ruote a un’opposizione di merito, che in questi anni abbiamo fatto, a partire dalla battaglia sull’utilizzo irregolare delle carte di credito, battaglia che più di ogni altra ha infastidito la nostra amministrazione. Per questo chiediamo all’amministrazione comunale un’ immediata risposta, quella risposta che stiamo aspettando da 42 giorni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Svolta per entrare in azienda e viene centrato da un'auto: addio a camionista 48enne

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Dimagrire si può con la dieta del riso

  • Focolaio colpisce alcune famiglie in paese: decine di contagi

Torna su
BresciaToday è in caricamento