Strage di Brescia: «Basta violenza sulle donne!»

"Impietrite davanti a questa violenza". Sulla strage di San Polo le donne de La Falce e La Luna PRC Brescia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Siamo qui oggi per dire alle famiglie delle persone uccise che siamo loro vicine, che siamo impietrite davanti a questa cieca violenza, ma che non siamo stupite purtroppo, siamo qui anche per denunciare il bollettino di guerra che ogni giorno vede donne e persone che sono loro vicine vittime di uomini, nel maggior parte dei casi vittime di parenti o conoscenti.

Ci chiediamo quante donne debbano ancora morire prima che si inizi seriamente a parlare di femminicidio, abbiamo il dovere di ricordarle, ma dobbiamo chiedere un cambio di rotta alla nostra società.

Francesca è morta ammazzata, assieme al compagno, alla figlia e al fidanzato di quest’ultima, morti tutti per lo stesso motivo, massacrati dall'ex, massacrati da una violenza maschile che arriva ovunque e non fa distinzioni di pelle, di etnia, di ceto, di censo o di religione, come vanno blaterando alcuni.

La violenza maschile sulle donne è una costruzione culturale fatta di negazionismo, omertà e banalizzazione e lo vediamo anche oggi nei titoli dei media che utilizzando parole false come “raptus” o “delitto passionale”. BASTA QUEST'UOMO E' UN ASSASSINO, di passionale nell’assassinio di una donna non c’è nulla.

La verità è questa, basta “provocazioni” in questa italietta dove le donne sono descritte come oggetti, fenomeni da baraccone, dove una barista irrompe nelle pagine dei giornali e in televisione per una settimana semplicemente perchè lavora mezza nuda.

Basta non possiamo più tollerare questa situazione, non esiste una ragione per un atto come questo. Basta con gli uomini che pensano di avere delle ragioni per ammazzare una donna:

- perché ritengono che le donne siano una loro proprietà

- perchè pensano che le donne siano cattive e che loro siano i poveri “abbandonati”

- perchè non accettano il fatto che le donne sono persone altre che hanno la libertà di scegliere con chi stare.

Certi uomini immaginano di poter possedere le donne a loro piacimento e dunque farle diventare il palliativo delle loro frustrazioni. Noi diciamo basta al patriarcato e al sessismo. Non vogliamo più sentir parlare di "Delitti passionali o raptus di follia".E' il momento che la politica risponda e lo faccia in modo diverso da quanto fatto fin ora, ne abbiamo le prove anche a Brescia dove la giunta comunale ha tagliato i fondi al centro antiviolenza la "casa delle donne" o si accanisce contro le prostitute.

Per Francesca, per tutte le vittime di violenza, per ciascuna di noi.

BASTA VIOLENZA SULLE DONNE

La FALCE e La LUNA - Donne PRC Brescia

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento