Scandalo sanità: "Se andiamo in Cina e Brasile noi siamo a posto"

Intercettazioni anche bresciane a margine dell'inchiesta che ha portato all'arresto del leghista Fabio Rizzi, di imprenditori e intermediari: nel vortice delle intercettazioni - ma nessun indagato - anche Caparini e Colosio

Fabio Rizzi

Nessun bresciano indagato e nessun affare concreto, per ora. Ma nelle carte che accompagnano l'inchiesta che ha portato all'arresto del leghista Fabio Rizzi, e con lui l'imprenditrice Maria Paola Canegrati, il medico di casa sul Garda Piercarlo Marchetti, il volto noto Pietro Caltagirone, non mancherebbero riferimenti bresciani. E di nomi non da poco.

Lo rivelano alcune intercettazioni, telefoniche e ambientali, rese note dagli inquirenti e pubblicate da BresciaOggi. I nomi: Bruno e Davide Caparini, padre e figlio da sempre nella Lega, il secondo ancora deputato leghista, e Angelo Colosio, ex sindaco di Montisola – ma venne eletto con An – e ora invece considerato un “militante” del Carroccio.

Nessuno di loro è iscritto al registro degli indagati: ma le intercettazioni appunto rivelerebbero i “contatti” tra i tre e soprattutto Fabio Rizzi, il “capofila” dell'inchiesta milanese. Sembra che la “mission” di Rizzi fosse aprire una società a Dubai, punto di partenza per un potenziale giro d'affari nei Paesi emergenti, su tutti Cina e Brasile.

Questa la squadra ipotizzata: Fabio Rizzi e Mario Valentino Longo – altro arrestato nell'inchiesta sulla sanità – a formare la società, padre e figlio Caparini a fare da fornitori. Cioè a gestire il flusso di macchinari e attrezzature gestendo i contatti con le aziende bresciane. Anche l'ex sindaco Colosio avrebbe dovuto rappresentare alcune aziende di settore.

Pare addirittura che un primo viaggio in Cina fosse alle porte, con i biglietti già pronti. Ma alla porta sono arrivati i Carabinieri, e ai polsi le manette. Alcune intercettazioni: se Longo non si fida fino in fondo di Bruno Caparini - “.. è terrificante..” - Rizzi lo tranquillizza: “Bruno c'è dentro da 60 anni”. “Cerchiamo di portare a casa subito il risultato – conclude Rizzi – Con Cina e Brasile noi stiamo a posto, senza altri problemi”.

Ma il coinvolgimento vista Valcamonica è subito smentito dai diretti interessati. “Rizzi ci ha rovinati tutti – ha dichiarato Bruno Caparini, ancora a BresciaOggi – perché andare a lucrare sugli anziani è come compiere un omicidio. Io non ho mai ricevuto 1 euro da nessuno, sono tutte balle”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli fa eco il figlio Davide: “Nessuno di noi è coinvolto in questa vicenda, siamo totalmente estranei ai fatti. Le indiscrezioni che affermano il contrario sono prive di ogni fondamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Forti temporali nella notte, allerta meteo anche tra oggi e domani

  • Esce da casa e vaga nella notte per un chilometro: paura per un bimbo, denunciati i genitori

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento