menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Politiche 2013: a Milano la fabbrica di firme false de La Destra di Storace

Le indagini per ipotesi di falso sono state estese a buona parte del territorio nazionale e sono stati già identificati alcuni dei presunti autori dei reati

Uno studio legale e diverse abitazioni a Milano che componevano una sorta di centrale per firme false sono stati perquisiti nella serata di ieri dalla Digos e dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta avviata dalla procura di Lodi che aveva portato nei giorni scorsi al sequestro di 500 firme raccolte a sostegno della lista La Destra di Francesco Storace nel collegio Lombardia 3.

Gli investigatori hanno sequestrato 83 timbri falsi di giudici di pace di Comuni lombardi, liguri, piemontesi e molisani, nonché di Roma, timbri dei municipi di Pavia, Monza e del tribunale di Milano, decine di certificati elettorali ed elenchi di sottoscrizione in parte autenticati in bianco, alcuni dei quali con il logo di partiti, in quella che è sembrata una vera e propria tipografia per la predisposizione di firme, da utilizzare probabilmente anche in vista dell'imminente deposito per le elezioni regionali in Lombardia.

- Camera. Candidati "La Destra" Lombardia 2
- Senato. Candidati La Destra in Lombardia


L'inchiesta, coordinata dai pm Sara Mantovani e Delia Anibaldi e dal procuratore capo di Lodi Vincenzo Russo, ha portato alla mancata presentazione della lista di Storace nella circoscrizione lombarda ed è partita da segnalazioni di ripetute richieste di certificati elettorali per i medesimi nominativi di sottoscrittori arrivate agli ufficiali dell'anagrafe di Lodi e di Cavenago d'Adda (Lodi) da parte di sedicenti rappresentanti della Lega Lombardo Veneta e del Movimento Italia Giusta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento