rotate-mobile
Elezioni Politiche 2013

Nessuna maggioranza al Senato. Mercati, paura ingovernabilità

L'incertezza sul futuro politico rimbalza subito sui mercati, si impenna lo spread tra i titoli italiani e i bund tedeschi. "Gestiremo il risultato nell'interesse dell'Italia", dice Pier Luigi Bersani. Grillo, primo partito: "L'onestà andrà di moda"

Boom di Grillo e rischio di ingovernabilità. Questo, a spoglio completato, l'esito delle elezioni politiche per la sedicesima legislatura. Il centrosinistra si aggiudica il premio di maggioranza e i 340 seggi a Montecitorio per soli 124.000 voti. Ma al Senato nessuna coalizione ha i 158 seggi necessari per governare da sola. Il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo è il primo partito a Montecitorio con il 25,6%. Nella coalizione del premier Monti, che ottiene il 10,56% alla Camera, non viene eletto Gianfranco Fini. Stessa sorte per Antonio Di Pietro, che non raggiunge il quorum con Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia. Ha votato il 75,1% degli italiani, calo di circa il 6%.

I mercati di tutto il mondo guardano con attenzione alla situazione italiana: timori tra analisti e banche d'affari. Si tratta del "peggior risultato possibile" per i mercati finanziari e l'economia italiana, scrive Bank of America - Merrill Lynch in un report. Per Barclays la pressione sui Btp crescerà nei prossimi giorni spingendo il rendimento del decennale al 5-5,2%. Per Morgan Stanley lo spread del quinquennale rispetto ai titoli tedeschi potrebbe allargarsi a 350 punti base.

Infatti, in mattinata, l''impennata dello spread, sui timori di una fase di ingovernabilità, sta travolgendo le banche a Piazza Affari. Gli istituti di credito, i cui bilanci sono pieni di miliardi di euro di titoli di debito italiani, guidano i ribassi di Borsa: Intesa cede il 7,3%, Mps il 7%, Ubi Banca e Unicredit il 6,9%. Per Citi "la volatilità sugli spread e la mancanza di riforme a favore della crescita continuerà a impattare negativamente sulle banche italiane".


Intanto, per poter "gestire il risultato nell'interesse dell'Italia (Bersani dixit)", si inizia già a parlare di grande coalzione Pd-Pdl. Berlusconi, per nulla smacchiato, ha già aperto ai piddini: "Serve un governo, bisogna riflettere insieme". Con l'incognita Grillo, naturalmente. Che avverte: "Facciano pure i loro inciuci, ma d'ora in avanti l'onesta andrà di moda. Li seguiremo ovunque".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuna maggioranza al Senato. Mercati, paura ingovernabilità

BresciaToday è in caricamento