Comunali: il 50% degli elettori 5 Stelle non è andato a votare

Lo rivela una ricerca dell'Istituto Cattaneo di Bologna. Anche il 40% dei voti Pdl è andato perso a causa dell'astensionismo. Tiene il Pd

In alcune città, circa la metà dei voti che il Movimento 5 Stelle ha preso alle politiche di febbraio sono andati nell'astensione. E' questa, secondo l'Istituto Cattaneo di Bologna, una delle spiegazioni dell'alta percentuale di astenuti delle elezioni comunali dello scorso fine settimana.

L'istituto di ricerche politiche bolognesi ha analizzato i flussi elettorali di Brescia, Treviso, Ancona e Barletta. Un campione ridotto, ma che assicura un'ampia copertura geografica e che, soprattutto, ha fornito dati sostanzialmente omogenei.

Il grosso degli elettori che avevano votato alle politiche e che non lo hanno fatto alle comunali, a febbraio aveva votato il Movimento 5 Stelle. A Brescia ed Ancona circa la metà dei voti M5s sono andati all'astensione, a Treviso un terzo. Tuttavia, il M5s, oltre ad aver perduto la metà dei suoi voti verso l'astensione, ha avuto anche perdite di rilievo verso gli altri candidati.

"Si potrebbe dire - osserva il Cattaneo, nell'analisi curata da Pasquale Colloca, Piergiorgio Corbetta e Rinaldo Vignati - che, in parte, il M5s ha svolto il ruolo di 'piattaforma di transito' verso l'astensione. In parte, invece, vi è stato un ritorno ai partiti d'origine, sia a destra sia a sinistra, confermando la natura non ideologica dell'elettore del M5s, che, alle politiche, aveva scelto Grillo provenendo da tutto lo spettro politico".

Anche il Pdl, però, ha pagato un prezzo molto alto all'astensionismo. A Brescia, ha perso verso l'astensione il 40% dei propri voti di febbraio (per un valore del 5,4%). Anche il Pd ha perso qualcosa: abbastanza a Treviso (il 3,4%), meno nelle altre città. L'Istituto Cattaneo, poi, ha anche calcolato la differenza fra i voti assoluti presi dai vari partiti alle politiche e quelli alle comunali. Poche le sorprese: l'astensionismo ha prosciugato i voti di tutti (tranne che delle forze di sinistra), anche se in misura differente. Il Pd e il Pdl hanno, entrambi, perso circa il 65% del proprio consenso, mentre il Movimento 5 Stelle ha preso circa un terzo dei voti che aveva a febbraio.

I ricercatori del Cattaneo avvertono, tuttavia che, in linea di massima, non è consigliabile fare confronti fra elezioni di differente livello. Ma visto che le precedenti elezioni del 2008, politicamente, facevano parte di un'altra epoca, si è comunque preferito fare un confronto con febbraio, consapevoli del fatto che alcuni mutamenti potrebbero essere derivati più dal contesto elettorale che dal mutamento di clima politico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento