Salò: il candidato sindaco regala biglietti per Mondiali e concerti

Campagna elettorale a premi a Salò: l'ex sindaco Giampietro Cipani e un concorso a premi dedicato agli under 25. I fortunati vincitori potranno volare in Brasile a vedere i Mondiali, oppure ai concerti di Renga e Ligabue

Il simbolo della lista civica di Cipani, che appare anche sui biglietti del concorso a premi

Dieci biglietti per i Mondiali in Brasile, con tanto di pass per visitare la Casa degli Azzurri; quattro biglietti per le partite del Milan e dell’Inter a San Siro, quattro biglietti per i concerti di Francesco Renga e Alessandra Amoroso, altri due biglietti (a testa) per i concerti di Vasco Rossi e Luciano Ligabue.

Questo il ‘pacchetto’ completo che il candidato sindaco Giampietro Cipani (già primo cittadino dal 1999 al 2009) mette in palio in forma di concorso a premi, dedicato esclusivamente ai giovani votanti di età compresa tra i 18 e i 25 anni. In campagna elettorale tutto è concesso, o forse no.

Infatti tra i ‘rivali’ ci sarebbe qualcuno che avrebbe già avvisato la Finanza, con richiesta d’accertamenti. Il rischio non solo elettorale, fanno sapere i quotidiani locali, potrebbe essere quello di una multa da 50mila euro e poi a salire, per mancanza di autorizzazione.

Il candidato Cipani ovviamente minimizza, e spiega che l’estrazione dei premi è curata da un’associazione amatoriale di ciclisti. Ma sul biglietto, bello grande e in alto a sinistra, capeggia maestoso il simbolo della civica, ‘Progetto Salò’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento