Doppi incarichi: Paroli dovrà scegliere. Salvo invece Molgora

In base a quanto deciso dalla giunta della Camera sulle incompatibilità (quella di Palazzo Madama non si è ancora espressa ma potrebbe farlo nei prossimi giorni), Paroli sarà costretto a scegliere tra sindaco e parlamentare

Dovrebbero essere 11, e tutti del centrodestra, i parlamentari sindaci di città con popolazione superiore ai 20mila abitanti che, in base alla decisione della giunta della Camera sulle incompatibilità, dovrebbero optare tra la fascia tricolore ed il seggio a Montecitorio o al Senato. In particolare, i parlamentari-sindaci di grandi centri sono sei alla Camera e tre al Senato.

Ma altri due senatori sindaci potrebbero essere chiamati ad optare: le città che governano, infatti, hanno una popolazione che sarebbe, pur se di pochissimo, superiore a 20 mila abitanti, anche se i dati ufficiali non sono concordanti e devono essere verificati. A Montecitorio, sarà chiamato a scegliere Adriano Paroli, sindaco della città.
Nessuna opzione sarà richiesta, invece, ai parlamentari presidenti di provincia. Salvo dunque Daniele Molgora, che potrà mantenere il suo doppio incarico di presidente della provincia e parlamentare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento