Consigli di quartiere: polemica sul voto agli immigrati

Discussione accesa in Commissione per definire il regolamento dei consigli di quartiere della città di Brescia: scontro aperto tra destra e sinistra sulla questione del voto agli immigrati

Una discussione lunga tre ore, nella Commissione alla Partecipazione del Comune di Brescia presieduta da Francesca Parmigiani. Sul tavolo della discussione il regolamento per l’istituzione e il funzionamento dei consigli di quartiere: tema caldo, la questione del voto agli immigrati.

Scontro inevitabile, tra destra e sinistra. Parmigiani e Fenaroli, tra i primi promotori dell’iniziativa, difendono le scelte definendole quasi “un atto di coraggio, per garantire la partecipazione dei cittadini”. E che a questo punto i consigli di quartiere sono “organismi intoccabili”, necessari per la ‘rivoluzione’ annunciata rispetto alle vecchie Circoscrizioni.

Parere opposto da parte di Lega Nord e Forza Italia. Per Nicola Gallizioli (già attivo in polemica sulla campagna per Brescia Pulita, da lui definita sessista) è inammissibile che sia data la possibilità di voto agli immigrati, soprattutto in quei quartieri dove la percentuale di stranieri supera ampiamente la doppia cifra.

Anche il voto ai sedicenni non convince. Mentre da Forza Italia una proposta politica: “Perché non presentare anche liste civiche, o addirittura liste di partito?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Ex birreria distrutta dalle fiamme: l'ipotesi di un incendio doloso

Torna su
BresciaToday è in caricamento