Corruzione e appalti, condannato imprenditore: a processo sindaco e parroco

Udienze fissate tra dicembre e febbraio per la maxi-inchiesta che a Concesio e dintorni coinvolge 25 persone: tra loro anche l'ex sindaco e il parroco

Ha patteggiato una condanna a 2 anni l'imprenditore Federico Marziale, residente a Sarezzo, coinvolto insieme ad altre 24 persone nella maxi-inchiesta sugli appalti che si è scatenata qualche mese fa a Concesio. Sarebbe stato proprio Marziale a denunciare i meccanismi di corruzione e turbativa d'asta che avrebbero accompagnato le procedure dei vari appalti pubblici: un vero e proprio “sistema”, avrebbe riferito agli inquirenti, che da quelle dichiarazioni hanno aperto un filone d'inchiesta con 25 indagati.

Gli altri filoni d'inchiesta

Volti noti e nomi eccellenti nel registro della Procura: su tutti l'architetto Riccardo Gardoni, responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune e che in primavera era stato addirittura arrestato, con misura cautelare agli arresti domiciliari. Ma nell'elenco degli indagati, per altre e differenti vicende, figurano anche il sindaco di allora Stefano Retali, e il parroco del paese, don Fabio Peli. Coinvolto anche un agente di Polizia Locale accusato di omessa denuncia.

Maxi-inchiesta: corruzione, falso e turbativa d'asta

Sindaco e parroco, in particolare, sono finiti sotto indagine per un presunto stoccaggio abusivo di rifiuti all'oratorio, senza alcuna autorizzazione. Gli altri indagati, invece, sono stati accusati a vario titolo di corruzione, falso e turbativa d'asta. Non solo tecnici e professionisti, ma pure diversi imprenditori della zona, del settore dell'edilizia e affini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle carte dell'indagine non mancano approfondimenti sui presunti “regali” che gli imprenditori avrebbero dovuto corrispondere a Gardoni, il responsabile tecnico, in cambio di “favori” sugli appalti: stecche di sigarette, benzina, un cambio gomme completo, pure un iPhone nuovo di zecca. Intanto il processo è partito: udienze fissate tra dicembre e febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Quattro mesi di lotta contro il Coronavirus: è morto il dottor Fiorlorenzo Azzola

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Bambina scomparsa nel nulla a Serle: condannata l'educatrice

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento