Campo nomadi a Desenzano: alla Cà del Diaol «situazione insostenibile»

Il consigliere Paolo Abate attacca sugli accampamenti abusivi del Monte Corno: "Situazione di illegalità e allarme igienico sanitario non più sostenibili". La soluzione? Scavare dei fossati

Polemiche ancora accese a seguito dell’interrogazione presentata in Consiglio Comunale a Desenzano del Garda dal consigliere d’opposizione Paolo Abate relativa alla questione degli accampamenti nomadi nei pressi del Monte Corno, in località Cà del Diaol.

Da mesi l’intera zona è occupata da un crescente numero di accampamenti abusivi – spiega Abate – che creano una situazione di illegalità e un allarme igienico sanitario non più sostenibile per una zona frequentata da turisti e cicloamatori, in un contesto naturalistico e paesaggistico dove si può godere uno splendido panorama”.

Lungo la strada sterrata che comincia in Viale Andreis si vedono tende e roulotte, una macchina abbandonata, rottami di biciclette e altra ferraglia. “Sono accampamenti abusivi – continua Abate – e chiediamo che l’amministrazione comunale provveda allo sgombero”.

Una soluzione accettabile, spiega, potrebbe essere quella di “un accordo con i proprietari dei fondi dei terreni per realizzare dei fossati in modo di impedirne l’accesso”. In attesa di una replica qualcuno dal web sorride alla proposta ‘medievale’: “Mettiamoci anche un ponte levatoio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento