Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Ferragosto: a Brescia la giunta in visita a carceri e anziani

Un'occasione in più, ha spiegato il sindaco, peraltro il giorno dopo lo sciopero della fame degli operatori carcerari per chiedere l'attenzione del parlamento sul problema-carceri, "per rinnovare la forte collaborazione tra la direzione e le istituzioni"

Come da tradizione, anche quest'anno per Ferragosto il sindaco di Brescia, Adriano Paroli, insieme a una delegazione di assessori (Mario Labolani, con delega ai lavori pubblici, Maurizio Margaroli per il commercio, Fausto di Mezza per il bilancio, Giorgio Maione ai servizi sociali, Diego Ambrosi per le politiche giovanili e Claudia Taurisano per la sussidiarietà) si è recato in visita ai detenuti e agli anziani bresciani. Prima tappa alle 8.30 (a cui ha preso parte anche il vicesindaco Fabio Rolfi) è stato il comando della Polizia Locale, che ha ospitato "una breve giunta informale in cui non sono stati segnalati particolari problemi della città per il mese di agosto in corso", ha spiegato Paroli, ironizzando, ma non troppo "su quelli nazionali che, invece, arriveranno".

Dopo la riunione istituzionale, un salto alla centrale operativa e un saluto ai vigili che "come tante altre categorie di lavoratori, anche il giorno di Ferragosto non vanno in vacanza ma anzi, sono più operativi del solito". Seconda tappa della trasferta istituzionale, i penitenziari bresciani, a partire dal carcere di Canton Mombello (la terza visita in un anno), dove Paroli e gli altri hanno preso parte con i detenuti alla messa celebrata dal cappellano.

Un'occasione in più, ha spiegato il sindaco, peraltro il giorno dopo lo sciopero della fame degli operatori carcerari per chiedere l'attenzione del parlamento sul problema-carceri, "per rinnovare la forte collaborazione tra la direzione e le istituzioni". Secondo quanto riferito, dopo la funzione religiosa il rappresentante dei detenuti ha letto una lettera per ringraziare la città per le piccole risposte date al carcere che, in fondo, è una città nella città, ha spiegato Paroli. Dopo Canton Mombello la delegazione si è trasferita nel carcere di Verziano (accanto al quale dovrebbe sorgere quello nuovo), per poi concludere il giro nella casa di riposo 'Casa Industria' che contra 130 ospiti: "Come al comando o in carcere, essere qui è un modo altrettanto simbolico per essere vicini a chi lavora per dare servizi alla persona nella nostra città - ha detto Paroli - e a chi, invece vive situazioni problematiche, e non solo gli anziani.

Siamo orgogliosi di questa struttura d'eccellenza e di un patrimonio morale che rende possibile una simile accoglienza nella nostra città, una cultura dell'attenzione che dobbiamo assolutamente tramandare", ha rilevato Paroli ringraziando la direttrice della fondazione 'Casa Industria', Marcella Bonafini. Sindaco e giunta si sono quindi fermati a pranzo in casa di riposo. Per l'occasione si è festeggiato anche il compleanno di un ospite, Luigi Bonometti: ieri ha compiuto ben 102 anni.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferragosto: a Brescia la giunta in visita a carceri e anziani

BresciaToday è in caricamento