Un 2017 di attività sociali con Scientology

Il desiderio di aiutare è forte in Scientology come in ogni religione e la gioia che ne scaturisce è il premio che ogni persona può sperimentare quando riesce ad arrecare aiuto a qualcuno.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Come ogni anno, anche nel 2017, i fedeli di Scientology, animati dal desiderio di essere di aiuto alla propria comunità, hanno dato sostegno alle campagne sociali che tradizionalmente li vedono impegnati, anche motivati dalla frase di L.Ron Hubbard “un essere è di valore solo nella misura in cui può essere utile agli altri”. Si sono occupati infatti di prevenzione alle droghe, sostegno dei valori più tradizionali, promozione della Dichiarazione universale dei Diritti Umani e denuncia degli abusi nel campo della salute mentale tutte campagne non confessionali e non a fine di proselitismo, ma volte al raggiungimento del loro specifico obiettivo sociale. In questo anno, come nei precedenti, l’uso di droga, la criminalità, l’intolleranza e la crudeltà continuano a pervadere e degradare ogni area della società. Questi problemi sono talmente scoraggianti che troppo spesso ci si limita a contenere il danno piuttosto che adottare strategie nel tentativo di eliminarli. E' quindi di necessità vitale arginare la spirale discendente.

Per questo la Chiesa di Scientology e i suoi membri sostengono programmi educativi per limitare in modo efficace l’uso di droga, infondere tolleranza, accrescere la consapevolezza sui diritti umani e innalzare la moralità. In provincia di Brescia le attività si sono concretizzate con la distribuzione di oltre 10.000 di opuscoli informativi sulle droghe, decine di conferenze informative presso famiglie, scuole, biblioteche della provincia. La promozione dei valori più tradizionali, importante elemento di integrazione, ha distribuito nelle cassette postali delle famiglie ed in occasione di eventi oltre 15.000 libretti "La Via della Felicità" che illustrano 21 precetti di comportamenti sempre condivisi ed apprezzati. La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è stata diffusa in città e provincia con oltre 6.000 opuscoli che da un lato illustrano i 30 diritti sanciti in modo semplice e chiaro e dall'altro tracciano la storia millenaria della necessità, sempre presente, di ribadire e sostenere tali diritti per estendere la stessa dignità ad ogni essere umano. Molto impegno è stato anche profuso nel denunciare abusi nel campo della salute mentale distribuendo opuscoli informativi sugli effetti collaterali degli psicofarmaci e fornendo assistenza a famiglie che si sono viste sottrarre i figli minorenni sulla base di soggettive valutazioni psichiatriche.

Queste sono le attività messe in campo dalla Chiesa di Scientology bresciana nel 2017 attraverso il contributo di centinaia di volontari anche appartenenti a diverse fedi. Anche il 2018 vedrà rinnovato questo impegno ci auguriamo in misura ancora maggiore. La meta è senz'altro audace e ambiziosa: risolvere problemi diffusi ed arrestare il declino culturale in atto, mentre si migliora il livello della società diffondendo valori che tutti possono condividere. Meta audace, ma certamente desiderabile.

Torna su
BresciaToday è in caricamento