Politica

Nuovo strappo Pdl-Lega: bilancio di previsione 2012 rinviato a gennaio

Per non correre il rischio di non avere la maggioranza al momento della votazione, prevista per questo mese, Pdl e Lega hanno deciso di rinviarla a fine gennaio. Ma i punti di rottura sono ormai molti

Il  bilancio di previsione 2012 di Palazzo Loggia, previsto per dicembre, è stato rinviato perché non è stato raggiunto un accordo tra Pdl e Lega. Per non rischiare di non avere la maggioranza in consiglio, la maggioranza ha deciso di rimandarlo a fine gennaio, forse sperando che dopo le feste si sia tutti un poco più buoni. Solo l’ennesimo rinvio di una frattura ormai consumata? Chi vivrà vedrà.

La scelta è stata presa nel vertice di lunedì sera in Loggia, quando attorno al tavolo si sono seduti i capigruppo di maggioranza, l’assessore Fausto Di Mezza, e i coordinatori di Udc, Pdl e Lega.

Il motivo principale dello scontro è stato la volontà del Pdl di fare cassa per 7 milioni di euro (tra quelli ancora scoperti a bilancio) con l’aumento dell’addizionale Irpef e il ritorno dell’Imu (ex-Ici). Ma i seguaci del Sentùr su questo fronte non vogliono nemmeno iniziare a trattare: “Nessuna nuova tassa!”.

Siccome oltre a questi sette ne mancano altri 53, e considerando che sulla cessione di parte del patrimonio, tra cui il Mercato dei grani, l’ex Macello e parte delle quote di società controllate, è ancora tutto da decidere, la strada appare per la maggioranza lievemente in salita.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo strappo Pdl-Lega: bilancio di previsione 2012 rinviato a gennaio

BresciaToday è in caricamento