Politica Centro / Piazza della Loggia

Orologi per 10.000 euro, polemiche per i regali dell'azienda pubblica

L'ex candidata sindaco Paola Vilardi attacca sui 200 orologi da 50 euro di Brescia Infrastrutture: per la maggioranza non c'è nulla di illegittimo

Foto di repertorio

E' stata la scintilla che di fatto ha acceso la discussione in consiglio comunale: l'interrogazione firmata dalla capogruppo (ed ex candidata sindaco) di Forza Italia Paola Vilardi. Il tema dell'intervento riguardava i circa 200 orologi che Brescia Infrastrutture, società controllata dal Comune, ha fatto realizzare dalla gioielleria Fasoli.

Gli orologi sono stati tutti personalizzati con il logo dell'azienda, e tutti regalati nelle scorse settimane. Si sarebbe trattata di una forma di “promozione aziendale”, insomma una scelta di marketing: Vilardi ha invece segnalato la cosa come “scorretta”, con riferimento al fatto che i detti orologi sarebbero stati regalati “nel bel mezzo della campagna elettorale”.

Dalla maggioranza è stato ribadito che l'intera vicenda non presenta niente di illegittimo, la stessa risposta che era già stata anticipata a Vilardi dagli uffici comunali. E' stato l'assessore al bilancio Fabio Capra a rispondere invece dal punto di vista politico,

Anche lui concorde sul fatto che gli orologi potevano essere “evitabili”, ha ricordato comunque anche i regali del passato, tra cui le penne stilografiche del sindaco Adriano Paroli. Per la cronaca, l'acquisto degli orologi di Brescia Infrastrutture è costato circa 10mila euro, circa 50 euro ciascuno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orologi per 10.000 euro, polemiche per i regali dell'azienda pubblica

BresciaToday è in caricamento