Domenica, 16 Maggio 2021
Politica

"Consiglio di indirizzo del welfare": al via la presentazione delle candidature

BRESCIA. Sono aperte le candidature per la scelta dei componenti del consiglio di indirizzo del welfare della città. Questo organismo ha come riferimento territoriale l’ambito 1 Brescia – Collebeato e ha durata pari a quella del Piano di Zona. Possono candidarsi le organizzazioni del terzo settore, singole o associate, attive nel welfare, le organizzazioni sindacali, gli enti di ricerca e formazione e singole personalità con particolari competenze ed esperienze.

Le domande possono essere inviate per posta entro il 29 aprile 2016 alle 12 alla segreteria dell’area sociale del Comune di Brescia in piazza Repubblica 1 (secondo piano) oppure possono essere consegnate direttamente alla segreteria tutti i giorni, escluso il sabato, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 16. Le candidature possono essere inviate anche tramite pec all’indirizzo servizisociali@pec.comune.brescia.it.

All’interno della domanda dovranno essere indicati, per le organizzazioni del terzo settore, le caratteristiche, le competenze e le attività svolte nel contesto locale, il livello di rappresentatività, il numero dei soggetti iscritti, eventuali altri soggetti rappresentati e la richiesta di adesione all’accordo di programma per la realizzazione degli interventi previsti dal Piano di Zona 2015-2017 dell’ambito distrettuale 1.

Le organizzazioni sindacali dovranno indicare il livello di rappresentatività, il numero degli iscritti ed eventuali altri soggetti rappresentati, mentre gli enti di ricerca e formazione dovranno precisare le caratteristiche, le competenze e le attività svolte nel contesto locale, il livello di rappresentatività ed eventuali altri soggetti rappresentati. Le singole personalità, infine, dovranno inviare il curriculum vitae e la documentazione che attesta le competenze e le attività svolte nel campo del welfare.

La Giunta comunale valuterà le domande, con il supporto tecnico dell’area sociale, e individuerà 13 persone sulla base dei criteri di rappresentatività, rilevanza e varietà di esperienze nell’ambito sociale, con particolare riferimento al contesto locale. Le singole personalità potranno essere al massimo tre.

Il “Consiglio di indirizzo del welfare della città” rappresenta l’approdo di alcune dinamiche di partecipazione che hanno caratterizzato l’attività sociale della città negli ultimi tempi. La creazione delle “consulte” e l’attivazione del “tavolo di coprogettazione” legato alla redazione del Piano di Zona hanno attivato processi di discussione e di partecipazione pubblica che meritano di essere ulteriormente potenziati.

L’amministrazione comunale ha valorizzato il “Tavolo di coprogettazione”, già costituito in occasione del precedente Pdz, aggiungendo un rappresentante delle fondazioni di erogazione e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali. 
Il Tavolo, dal luglio 2013, si è incontrato regolarmente diventando luogo di confronto e elaborazione delle linee del welfare cittadino e dei principali progetti messi in campo. 


Sempre nel quadro del confronto con le forze vive della città va ricordata la due giorni organizzata nel mese di luglio 2014 con la partecipazione attiva di 40 operatori del privato sociale e 20 dell’amministrazione comunale. Anche il Piano di Zona in vigore è stato redatto grazie al confronto con il tavolo di coprogettazione, tramite incontri a cadenza quindicinale, che si sono svolti nel corso del 2015. l Consiglio di indirizzo del welfare rappresenta un ulteriore passo in avanti: svolgerà infatti un’azione permanente di orientamento, stimolo e valutazione delle politiche e delle azioni pubbliche e del privato sociale e assolverà compiti di coprogettazione generale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Consiglio di indirizzo del welfare": al via la presentazione delle candidature

BresciaToday è in caricamento