menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bisinella (Pd): "La Lega spesso è legata ad episodi poco trasparenti"

Ecco la nota del segretario provinciale del Pd Pietro Bisinella e del responsabile del Dipartimento Enti locali Fabio Ferraglio che commentano l'arresto per corruzione di due esponenti di spicco del Carroccio bresciano

Abbiamo appreso la notizia dell'arresto per reati contro la Pubblica amministrazione di Mauro Galeazzi, assessore all'urbanistica del comune di Castel Mella, e Marco Rigosa, assessore ai Lavori pubblici di Rodengo Saiano. Come Partito Democratico non possiamo che confermare il nostro atteggiamento garantista nei confronti dei due accusati, che ci auguriamo possano dimostrare la loro estraneità ai fatti soprattutto nel rispetto della carica istituzionale che ricoprono. I due assessori sono entrambi leghisti e sarebbero implicati in una brutta vicenda di tangenti.

E meno male che il comune di Castel Mella è spesso stato sbandierato come esempio di buona amministrazione da parte della Lega. In tutta Italia vi sono preoccupanti episodi che vedono coinvolta la Lega: sono la dimostrazione che al di là delle chiacchiere quel partito dovrebbe fare molta attenzione al suo interno, visto che troppe volte emergono personaggi dubbi. Dubbie anche le condotte, dato che sembra che Mauro Galeazzi, portaborse dell'ass.provinciale Prandelli (sindaco uscente di Ospitaletto), abbia usato centinaia di volte per usi personali un telefono datogli in dotazione dall'Amministrazione Provinciale, cosa che nessun consigliere provinciale può fare, e il tutto si evince da innumerevoli intercettazioni.


Con preoccupazione dobbiamo registrare anche nel panorama bresciano e lombardo parecchi episodi legati a condotte poco trasparenti. A questo proposito i partiti non si stanno muovendo tutti con la stessa determinazione e celerità. Per il Pd è fondamentale operare seguendo il Codice Etico del Pd e il Codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione parlamentare antimafia, perché tutti i circoli devono essere impegnati nella mobilitazione per la legalità e contro le mafie. Vogliamo ricordare che, a differenza della Lega, per il Pd è sempre centrale la questione morale, non possiamo fare a meno della dignità e del buon nome della politica nell'amministrazione pubblica. Per questo motivo il Pd lombardo, come già è accaduto con le elezioni politiche scorse, trasmetterà gli elenchi completi dei nostri candidati 2011 alla commissione nazionale antimafia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento