Politica Centro / Piazza del Duomo

Beppe Grillo e la Marcetta su Brescia di Silvio Berlusconi

Il leader M5S attacca l'ex premier e la manifestazione in piazza Duomo: "Lo Stato non può processare sé stesso. E oggi Berlusconi è lo Stato""

"Nel pomeriggio dell'11 maggio 2013, un condannato a quattro anni di evasione fiscale in secondo grado, farà la sua marcetta su Brescia in piazza del Duomo contro la magistratura. I giudici hanno il torto di giudicarlo, per lui dovrebbero voltarsi dall'altra parte come il pdmenoelle o rimanere silenti come le statue di sale delle Istituzioni".

"Respingiamo il Caimano",
i bresciani si mobilitano su Facebook contro Berlusconi

Beppe Grillo, leader e creatore del Movimento 5 Stelle, interviene sulla manifestazione contro i pm organizzata da Silvio Berlusconi. In un articolo, postato sul suo blog, intitolato "La marcetta su Brescia", Grillo attacca duramente l'ex premier di centrodestra, tirando in ballo anche il Presidente della Repubblica: "Napolitano ha detto che 'Bisogna fermare la violenza verbale prima che si trasformi in eversione'. A Milano con l'occupazione del Palazzo di Giustizia da parte dei nominati da Berlusconi in Parlamento l'eversione è già avvenuta. Politici contro magistratura. Non ricordo un sussurro da parte del capo del Csm. Forse era distratto in nome della governabilità. La 'violenza verbale' è consentita se a protezione dello statista Berlusconi che, magnanimo, mantiene in vita il governo".

"E' da vent'anni, da Tangentopoli, dalle stragi del '92-'93 - continua Grillo - che la magistratura supplisce in parte alla Fine della Politica avvenuta con la Seconda Repubblica. E' una fiamma sempre più debole, addomesticata da leggi ad castam, da un'informazione faziosa alla quale ogni diffamazione è permessa, da un presunto realismo nel cui nome si è persino giustificata la trattativa Stato-mafia. Per questo governo i magistrati sono un impiccio, un ostacolo alle Grandi Intese, colpevoli di mettere in discussione la pax sociale, irresponsabili".

Infine, l'ex comico conclude il suo intervento con una citazione di Leonardo Sciascia: "Lo Stato non può processare sé stesso. E oggi Berlusconi è lo Stato".

Il Cavaliere di lotta e di governo chiama la piazza anti-pm.
Iniziano le contestazioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beppe Grillo e la Marcetta su Brescia di Silvio Berlusconi

BresciaToday è in caricamento