Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Arcigay: "Lago di Garda località omofoba, meglio non andare"

Una lettera inviata dall'Arcigay di Brescia a tutti i movimenti omosessuali d'Italia e d'Europa, in cui si invitano i turisti a boicottare il lago di Garda perché omofobo. Il motivo? Le Sentinelle in Piedi

Bacio gay al lago (fonte: bestgaybloggers.com)

Certo una ‘boutade’ che ha fatto scalpore. Un invito lanciato a tutti i gay d’Italia (e d’Europa) che avrebbero l’intenzione di soggiornare sul lago di Garda, e soprattutto a Desenzano e Salò. “Meglio che non ci andiate, sono due località omofobe”. Parole non proprio testuali, ma il succo è quello. “Un’iniziativa molto forte e che riceverà molte critiche – dicono infatti dall’Arcigay di Brescia – ma che diventa necessaria per il grave clima di discriminazione che si è creato nei nostri confronti, con attacchi ai nostri diritti e alla nostra dignità”.

Il riferimento è alla doppia manifestazione delle Sentinelle in Piedi – tra l’altro ne è prevista una pure in città, ma con contromanifestazione della ‘Brescia Meticcia’ – che andranno in scena questo weekend, e proprio a Desenzano e a Salò. Le Sentinelle altro non sono che un movimento di cattolici – che qualcuno, a torto o ragione, ha definito come “integralisti” – che difendono la famiglia tradizionale, e si schierano nelle piazze, in silenzio, ‘armati’ di libri su cui ‘puntano’ gli occhi, senza dire una parola.

Il mese scorso erano ‘sbarcate’ a Salò, dove avevano radunato ben 250 persone. Meno partecipata la manifestazione organizzata la scorsa estate a Desenzano, dove in Piazza Garibaldi erano forse poco più di un centinaio. Ma ora si replica, sabato 23 e domenica 24. E la reazione dell’Arcigay non si è fatta attendere.

Certo non mancano le polemiche. Il sindaco di Desenzano Rosa Leso – e di contraltare il comandante della Polizia Locale, Carlalberto Presicci – ricordano all’Arcigay di Brescia che “non spetta al Comune autorizzare le manifestazioni, quanto piuttosto alla Questura. Ma comunque il diritto di manifestare – che siano i No Tav, le Sentinelle in Piedi o qualsiasi partito politico – è sancito dalla Costituzione”.

Dall’iniziativa dell’Arcigay si smarca anche il circolo del Basso Garda di Sinistra Ecologia e Libertà. Il coordinatore Igor Bulgarini infatti si schiera apertamente con le battaglie in difesa dei diritti civili del ‘partito’ degli omosessuali, ma contesta il metodo dell’ultima iniziativa, giudicata controproducente. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arcigay: "Lago di Garda località omofoba, meglio non andare"

BresciaToday è in caricamento