Politica

Albino, Maroni: "Tagliano le province e aumentano i prefetti"

Intervento del presidente della Regione alla Bèrghem Frecc: "A Roma vogliono cancellare il sistema di democrazia rappresentativa"

"Il nostro è uno stato di polizia. Anzi, ho troppo rispetto della polizia per citarla in questo contesto. Il nostro è uno stato borbonico". E' quanto ha dichiarato Roberto Maroni intervenendo alla Bèrghem Frecc di Albino (Bergamo).

"A Roma vogliono cancellare il sistema di democrazia rappresentativa: è questo il significato dell'abolizione delle province e del contestuale raddoppio dei prefetti. Io credo che le province servano - ha detto ieri sera il governatore della Lombardia - perché si occupano di manutenzione di strade e di scuole e di politiche del lavoro. Vogliono abolirle, per poi sostituire il presidente, democraticamente eletto, con il prefetto nominato a Roma, proprio come è successo con il fascismo. E dopo le province toccherà alle regioni. Non è più una questione di Lega, ma di democrazia. E sarà questa la battaglia più importante del 2014".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albino, Maroni: "Tagliano le province e aumentano i prefetti"

BresciaToday è in caricamento