Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Abc: «un secco no alla manovra di governo»

"Non sogno gli enti locali, in particolare quelli del Nord Italia - si legge in una lettera inviata al Ministro Gelmini - la causa del debito dello Stato"

L'Associazione comuni bresciani ha organizzato un incontro straordinario in cui discutere e analizzare la manovra di governo emanata d’urgenza per contrastare la crisi. Erano presenti, oltre al presidente Emanuele Vezzola, il vice Michele Orlando, i sindaci della provincia di Brescia ed esponenti delle comunità montane,  l'assessore provinciale Aristide Peli e il vicesindaco del capoluogo Fabio Rolfi.

"Chiediamo un tavolo di sei mesi per discutere più approfonditamente dei temi, poi potremo riparlarne con il Paese", ha dichiarato Vezzola "Chiediamo inoltre di svincolare i residui passivi sui conti investimenti che darebbero soldi alle imprese e tasse allo Stato". Michele Orlando ha presentato invece una proposta per i comuni sotto i cinquemila abitanti, a rischio estinzione: "In Europa hanno mantenuto i comuni ma hanno accorpato diverse funzioni".

Alla fine è stato stilato un documento condiviso da inviare al ministro Mariastella Gelmini e ai parlamentari bresciani. Nel documento viene respinta la falsa attribuzione del debito statale ai comuni: "Non sogno gli enti locali, in particolare quelli del Nord Italia, la causa del debito dello Stato". Quindi, è "indispensabile precisare i criteri di virtuosità degli enti, così come bisogna che i criteri valgano per tutti, regioni a statuto autonomo comprese ed in ogni parte del paese, in particolare al Sud dove gravi e tante sono le sacche di spreco e dove, ancora in molti casi, il posto di lavoro pubblico è vissuto come una forma di assistenzialismo e non come risposta alle esigenze organizzative dei vari servizi e compiti istituzionali".

Fabio Rolfi ha voluto andare oltre: "anticipiamo di un anno l'autonomia degli enti soprattutto sulla responsabilità fiscale e tributaria, solo così si possono eliminare da subito gli sprechi". Mentre per Aristide Peli, quello dei comuni bresciani è l’esatto contrario della politica romana: "ci sono amministratori che non prendono nemmeno un euro per il lavoro che fanno, non si può chiedere sacrifici sempre agli stessi". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abc: «un secco no alla manovra di governo»

BresciaToday è in caricamento