menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bracciante, sindaco e deputato: l'abbraccio del paese al "compagno" Torri

In tantissimi sotto la pioggia al funerale di Giovanni Torri detto “Gino”, storico militante del Pci bresciano, ex sindaco e deputato: è morto a 89 anni in ospedale

Se ci fossero ancora le sezioni di partito, o i militanti come una volta, la voce si sarebbe sparsa subito così: “Il compagno Torri ci ha lasciato”. Morto a 89 anni, in ospedale da pochi giorni a seguito di un improvviso malessere, prima era sempre stato bene: in tanti lo ricordano con affetto, in tanti sotto la pioggia lunedì mattina per l'ultimo saluto, al cimitero di Quinzano d'Oglio.

Il suo paese, per una vita intera: il paese in cui era nato e cresciuto Giovanni Torri detto “Gino”, uno dei “compagni” storici del Partito Comunista di Brescia, di cui fu segretario provinciale per quasi un decennio, dal 1968 al 1976. Classe 1928, si era avvicinato al partito ancora giovanissimo, appena dopo la guerra.

Era il 1945, Torri aveva soltanto 17 anni: faceva il bracciante agricolo, un lavoro che aveva cominciato che di anni ne aveva poco più di 11. In famiglia erano otto fratelli, i tempi dei più difficili: finita la scuola elementare, c'era subito da lavorare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento