Faccia a faccia contro Marine Le Pen: una bresciana nello staff di Macron

C'è anche una bresciana (la 36enne Caterina Avanza) nello staff del candidato alle presidenziali francesi Emmanuel Macron: al lavoro per preparare la sfida del ballottaggio con Marine Le Pen

C'è anche un'italiana, anzi una bresciana, nello staff politico (specializzata in comunicazione) del candidato francese Emmanuel Macron, ex ministro “tecnico” del governo di Francois Hollande e primo in Francia (per numero di voti assoluti e percentuali) al primo turno delle presidenziali, davanti (di poco) alla candidata dell'estrema destra Marine Le Pen.

Quel che si dice un quadro: formato nella scuola economica francese, lavorava in banca, è stato ministro all'economia. Adesso corre da solo, con il gruppo En Marche: insieme a lui, nel suo ristrettissimo staff di fedelissimi, c'è anche la giovane bresciana (ha 36 anni) Caterina Avanza. Lo scrive il Corriere della Sera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Laureata in scienze politiche, ha completato la sua carriera di studi con un master alla Sorbona di Parigi. Adesso, spiega, si occupa di studi qualitativi: “Cerco di capire come sia il suo potenziale elettorato e lavoro sulla comunicazione. Per esempio, gli dico come spiegare una riforma complessa come quella delle pensioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento