Ghedi, caso Italcarmi: Asso-Consum si costituisce parte civile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Il macello di Italcarni di Ghedi, in provincia di Brescia, è sotto sequestro: l’Istituto Zooprofilattico di Torino ha rilevato cariche batteriche sulle carni “marchiate” Italcarni, cinquanta volte superiori a quelle consentite dalla legge. È stata registrata anche la presenza di due salmonelle, Livingstone e Agama, che come noto, sono molto pericolose per la salute del consumatore.

 La causa di tale contaminazione batteriologica deriva dal maltrattamento subito dalle mucche del macello di Ghedi.

Sul caso lo scorso lunedì, 9 novembre, il pm Cassiani, ha richiesto il rinvio a giudizio per due veterinari e per i dipendenti del macello, pertanto il presidente Aldo Perrotta dichiara che l’Asso-consum, associazione per la difesa dei consumatori, degli utenti e dei cittadini, componente CNCU, si costituirà parte civile.

Inoltre, alla luce di tale pericolo per la salute dei consumatori, l’Asso-conusm si interroga sul perchè l’Asl addetta ai controlli, ossia l’Asl di Brescia, non abbia mai rilevato e fatto presente tale pericolosa situazione.

Dunque, l’associazione  ha presentato un esposto alla Procura di Brescia affinché verifichi la qualità del lavoro dei servizi veterinari della Asl su tutte le attività e gli esercizi commerciali che cadono sotto la loro competenza.

ASSO-CONSUM

 Associazione per la difesa dei consumatori degli utenti e dei cittadini

Sede nazionale, Via Lombardia, 30 – 00187 Roma

tel. 06 97 61 19 16 fax 06 97 61 20 46 - assoconsum.ufficiostampa@gmail.com

https://www.asso-consum.it/

C.F. e P.I. 07950490636

I più letti
Torna su
BresciaToday è in caricamento