rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Mobilità Sostenibile Desenzano del Garda

Car sharing sul Lago di Garda

Al via il primo car sharing del lago di Garda: sarà tutto elettrico. Entro l'estate a disposizione otto automobili, entro fine anno anche otto scooter

Sarà operativo per l'estate il primo servizio di car sharing, letteralmente condivisione dell'automobile, di tutto il lago di Garda, con quattro stazioni per la “raccolta” e la consegna di auto e scooter (che saranno sempre e solo full electric), una flotta di 16 mezzi tra due e quattro ruote entro la fine dell'anno, 16 colonnine di ricarica già attive. Si chiama “E-Way”, progetto realizzato dalla multiutility Garda Uno, con sede a Padenghe, con la partecipazione di una dozzina di Comuni (tra cui Desenzano, capofila) e un sostanzioso contributo (pari al 60% del totale) a carico del Ministero dell'Ambiente.

Come funziona E-Way

E-Way è una rete di car e scooter sharing pensata per ottimizzare i percorsi casa-scuola e casa-lavoro. Ambisce a invogliare pendolari e utenti in generale a cambiare il proprio modo di muoversi, orientandoli verso l’utilizzo intermodale dei mezzi di trasporto. E-Way prevede un servizio di tipo point-to-point: il mezzo utilizzato deve essere ritirato e riconsegnato alla stessa stazione. 

Serve iscriversi online, tramite web/app fornita da Garda Uno. Sempre attraverso la stessa piattaforma l’utente potrà prenotare il veicolo inserendo il luogo di ritiro prescelto, la data e l’orario di ritiro e di resa. 

Gli utenti potranno usufruire del mezzo da un minimo di un’ora fino a un massimo di 48 ore. Potranno prenotarlo in anticipo (massimo trenta giorni prima, minimo 5 minuti prima) e il tempo massimo per modificare o annullare una prenotazione è pari a sessanta minuti prima dell’inizio/termine.

Quanto costa

La tariffa standard per noleggiare un'auto E-Way ammonta a 30 centesimi al minuto. Ma esisono dei profili specifici e dei prezzi a forfait, come incentivo e risparmio: ad esempio, 50 euro tondi per utilizzare il veicolo 24 ore, 90 euro per tutto il weekend. Per quanto riguarda i ragazzi under 25, tutti i giorni dalle 7 alle 14, potranno godere di un prezzo forfettario pari a 18 euro, a prescindere dalla durata della prenotazione del mezzo.

La flotta

Come detto sono quattro le stazioni point-to-point del progetto E-Way: a Desenzano, Padenghe, Salò e Peschiera. La flotta operativa dal 1 agosto si comporrà di otto Renault Zoe elettriche, con cinque porte e batteria da 41 kWh, in grado di garantire un'autonomia di circa 300 chilometri. Alle auto si affiancheranno, entro la fine del 2019, anche otto scooter full electric, a disposizione per il servizio. In ultimo, un mezzo “sociale”: è in fase di allestimento, per il trasporto disabili, un van completamente elettrico che sarà consegnato all'Anffas di Desenzano per gli spostamenti casa-scuola dei ragazzi.

I numeri di E-Way

Il costo dell'intero progetto è di 830mila euro, finanziato al 60% (498mila) dal Ministero dell'Ambiente, nell'ambito del Programma sperimentazioine nazionale di mobilità sostenibile. La quota restante (332mila euro) è in capo a Garda Uno. Sono 13 i Comuni coinvolti: da Desenzano, capofila, a Peschiera, e poi Calcinato, Moniga, Lonato, Manerba, San Felice, Salò e Sirmione. La tratta di E-Way va da Peschiera a Limone: lungo il percorso sono presenti 16 colonnine di ricarica, che consentiranno di poter ricaricare contemporaneamente quattro Renault Zoe e quattro scooter. Sul Garda il futuro comincia adesso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Car sharing sul Lago di Garda

BresciaToday è in caricamento