menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un albero caduto lungo la strada che collega Urago a Pontoglio (fonte Facebook)

Un albero caduto lungo la strada che collega Urago a Pontoglio (fonte Facebook)

Paura per la supercella, vento fino a 90 km/h: alberi caduti e danni alle case

Alberi caduti, tetti danneggiati e primi allagamenti: brusco risveglio per la provincia bresciana alle prese con una tempesta in movimento su tutto il territorio

Brusco risveglio per i tanti bresciani alle prese con la tempesta di venerdì mattina: come annunciato dai bollettini meteo degli ultimi giorni, era previsto un peggioramento della situazione meteorologica a partire già da giovedì sera. Così è stato, con qualche differenza tra le varie zone della provincia: in ogni caso, in tutto il territorio il cielo è denso di nuvole, piove e soffia il vento.

Gallery: le foto della shelf cloud

Già nelle prime ore del mattino si sono registrati disagi e disastri: come riporta l'associazione Meteopassione, la stazione di Bagnolo Mella ha registrato una raffica di vento di 87 chilometri orari, e 48 millimetri di pioggia in pochi minuti con temperature di poco superiori ai 15 gradi. Nella Bassa bresciana il maltempo ha già fatto danni, da Leno a Urago a Pontoglio: si parla di alberi caduti, strade impraticabili, cantine e abitazioni allagate. Si segnalano alberi caduti e rami spezzati anche alle porte della città di Brescia.

Il cielo comunque fa paura in tutto il territorio provinciale. Alcune zone sembrano solo momentaneamente risparmiate da vento e pioggia, che sono invece confermati in gran parte del Bresciano. E' stata segnalata una “shelf cloud”, una nube di bassa quota che solitamente precede temporali forti, comprese le temibili supercelle.

L'allerta meteo

Nella giornata di giovedì Regione Lombardia aveva diramato una allerta meteo codice arancione (livello di pericolo tre su quattro) per rischio idrogeologico e temporali forti, oltre a una allerta gialla (livello di pericolo due su quattro) per rischio idraulico.

Gravi danni a Milano

Il Seveso è esondato a Milano. Il fatto si è verificato intorno alle 7.30, acqua e fango hanno raggiunto viale Fulvio Testi e Ca' Granda, come riferito dalla polizia locale a MilanoToday. La protezione civile era già in allerta dalle prime ore di venerdì. La pioggia ha iniziato a cadere copiosa su città e hinterland intorno alle 5 andando a ingrossare i due corsi d'acqua. Alle 6.20 l'esondazione era già quasi certa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ghedi: morto l'imprenditore agricolo Giovanni Chiappini, ucciso da un infarto

  • Incidenti stradali

    Auto 'vola' in un campo e si ribalta in un fossato: paura per una donna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento