Come fare il porto d'armi e chiedere il rinnovo

Sono tre le tipologie di porto d'armi: quelle per uso sportivo e uso caccia hanno una durata di 6 anni. Ecco come fare e i documenti che servono per il rinnovo

Il porto d'armi è un'autorizzazione “speciale”, rilasciata dalle autorità statali competenti, concessa ai privati cittadini al fine di consentire l'acquisto, la detenzione e appunto il porto d'armi. Si tratta dunque di una sorta di “licenza” che permette ai cittadini di possedere un'arma e portarla anche al di fuori della propria abitazione: tale licenza ha una validità di 5 anni, rinnovabile per altrettanti, quando si tratta di porto d'armi per difesa personale, e invece di 6 anni quando si tratta di porto d'armi per uso di caccia o per il tiro a volo. Può essere rilasciata solo ai maggiorenni.

Il documento può essere rilasciato da

  • Questura: quando si tratta di licenza di porto di arma lunga per il tiro a volo, licenza di porto di fucile anche per uso di caccia, licenza di porto di fucile per difesa personale
  • Prefettura: licenza di porto d'arma corta o di bastone animato per difesa personale, licenza di porto d'armi per difesa personale a guardie particolari giurate

Tipologie di licenze di porto d'armi

Sono in particolare tre le tipologie di porto d'armi che possono essere richieste in Italia:

  • porto d'armi per uso sportivo
  • porto d'armi per uso venatorio
  • porto d'armi per difesa personale

Per ciascuna di queste cambiano alcune specifiche nel momento della presentazione della domanda: ad esempio, nella richiesta per il porto d'armi per difesa personale dovranno essere specificate le motivazioni per le quali si ritiene di essere esposto a rischi tali la concessione della licenza richiesta. Se si richiede invece il porto d'armi per uso venatorio, cambiano le quote da versare negli appositi bollettini. 

Documenti per il porto d'armi

Questa invece è la documentazione che non deve mancare mai:

  • 2 fotografie formato tessera, identiche e recenti, di cui una autenticata (è possibile effettuare l’autentica direttamente allo sportello al momento di presentazione della domanda);
  • certificazione, in bollo, comprovante l'idoneità psico-fisica, rilasciata da Ats o dagli Uffici medico-legali delle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato, sulla base del certificato anamnestico del medico di famiglia.
  • certificato del Tiro a Segno Nazionale  attestante l’idoneità al maneggio delle armi oppure la documentazione o autocertificazione relativa al servizio prestato nelle Forze Armate o nelle Forze di Polizia (il congedo militare o dalle forze di polizia non deve essere anteriore a 10 anni);
  • marca da bollo di 16 euro
  • attestazioni di versamento dei bollettini (che variano in base alla specifica licenza richiesta).

Dovrà essere inoltre attestato di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dalla legge, di non essere stato riconosciuto obiettore di coscienza oppure di aver presentato istanza di revoca di tale status, oltre che fornire le generalità delle persone conviventi.

Come rinnovare il porto d'armi

Ricordiamo che, a causa dell'emergenza Coronavirus, anche la validità del porto d'armi – come di altri documenti – è stata prorogata. In ogni caso, per le istanze di rinnovo, la Questura di Brescia ha adottato nuove modalità organizzative relativa all'acquisizione delle istanze di rilascio e rinnovo delle licenze uso tiro a volo e uso caccia.

L'attività di ricezione al pubblico avverrà esclusivamente su appuntamento da concordare tramite Pec all'indirizzo ammin.quest.bs@pecps.poliziadistato.it oppure ai numeri 030 3744732 e 030 3744554.

Gli utenti residenti a Brescia potranno presentare, previo appuntamento, le istanze di rinnovo e o rilascio porto d'armi uso caccia o uso tiro a volo nelle giornate e negli orari di lunedì e martedì dalle ore 15 alle ore 18. Gli utenti residenti a Brescia potranno ritirare il porto d'armi carta Europea previo appuntamento nella giornata di giovedì dalle ore 15 alle ore 18.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per gli utenti residenti in provincia si seguiranno le stesse procedure finora adottate, cioè presentazione delle istanze presso la stazione dei Carabinieri competenti territorialmente l'utenza non dovrà presentarsi allo sportello senza appuntamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento