Sostegno abitativo e canone agevolato per i coniugi separati con figli

Bandi e iniziative regionali per il sostegno abitativo ai coniugi separati con figli che perdono la casa: tutte le informazioni

Foto da regione.lombardia.it

I coniugi legalmente separati o divorziati  che a seguito di provvedimento giudiziario perdono la disponibilità della casa di famiglia, assegnata all'altro coniuge, possono partecipare ai bandi per l'assegnazione di un alloggio pubblico. Il regolamento regionale 7/2015 riconosce ai genitori legalmente separati o divorziati un punteggio equiparato a quello riconosciuto ai "richiedenti" sottoposti a procedure di sfratto.

Assegnazione in deroga alla graduatoria 

Con regolamento regionale 7/2015 del 17 luglio 2015 sono state apportate modifiche al regolamento regionale n.1/2004, necessarie a dare attuazione all’art 5 della legge regionale n.18/2014 che prevede interventi di sostegno abitativo a favore dei coniugi separati o divorziati in condizioni di disagio economico che, a seguito di provvedimento dell’Autorità giudiziaria, sono obbligati al versamento dell’assegno di mantenimento dei figli e non sono assegnatari o comunque non hanno la disponibilità della casa familiare in cui risiedono i figli, anche se di proprietà dei medesimi coniugi o ex coniugi, prevedendo l’adeguamento del regolamento regionale 1/2004.

In particolare si è introdotta la possibilità di procedere anche all’assegnazione in deroga alla graduatoria di un alloggio di erp, edilizia residenziale pubblica, purchè il rilascio della casa coniugale in cui risiedono i figli non sia avvenuto da oltre un anno dalla presentazione della domanda, in quanto la maggiore fragilità si verifica nell’imminenza di tale evento. Trascorso l’anno dal rilascio della casa coniugale, il Comune, per i coniugi separati o divorziati che si trovino in situazioni di emergenza abitativa, valuta se applicare le disposizioni dell'art 14 del r.r.1 del 20014, se presenti le fattispecie previste al comma 1 (a),b),c),d),e) dello stesso articolo.

Il quadro normativo regionale

Con deliberazione n. 7545/2017, in attuazione della legge regionale n.18/2014  art. 5, è stata approvata la misura a favore dei genitori separati o divorziati con figli che prevede  contributi per l’abbattimento del canone di locazione, previa valutazione dei requisiti da parte delle Agenzie per la Tutela della Salute (ATS).

Con la deliberazione n. XI/113 del 14/05/2018 sono stati definiti i criteri per il finanziamento di progetti di recupero di immobili da destinare a coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, in ottemperanza alla Dgr n.7544 del 18/12/2017 finalizzata alla promozione dello sviluppo dell’offerta abitativa tramite il recupero di alloggi a destinare in locazione ai coniugi separati o divorziati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori informazioni sono disponibile sulla pagina dedicata del sito web di Regione Lombardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

  • Nuove restrizioni in Lombardia: stop allo sport amatoriale, lezioni a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento