Mercoledì, 29 Settembre 2021
life

Brescia: aria inquinata in pianura, danni al DNA dei bambini

I risultati shock dello studio "Respira", presentato dall'Università di Brescia: in Pianura Padana danni alle cellule della mucosa dei bambini dai 3 ai 6 anni tre volte superiori alla media. E si vive quasi tre anni di meno

La “Mal’aria” lombarda, o meglio della Pianura Padana, ha effetti diretti sui bambini dai 3 ai 6 anni, tanto da incidere addirittura sul loro DNA. Questi gli ennesimi risultati shock di una ricerca tutta bresciana, lo studio “Respira”, condotta dall’Università di Brescia e che entra di diritto nel più ampio Progetto Mapec sulla qualità dell’aria e dell’ambiente, e che da qui al 2016 coinvolgerà migliaia di bambini di cinque diverse città italiane: Brescia, Lecce, Pisa, Perugia e Torino.

I risultati di “Respira” sono stati intanto presentati a Brescia. Circa 181 bambini (da 3 a 6 anni) monitorati per quasi un biennio, dal 2011 al 2013, ‘recuperati’ da sei scuole dell’infanzia comunali: Abba, Agosti, Agazzi, Don Bosco, Rebuffone, Zammarchi.

Bambini che presentano danni alle cellule della mucosa orale, nell’ordine di modifiche genetiche al DNA, ben tre volte superiori rispetto alla media mondiale della letteratura scientifica: un’incidenza dello 0.29% rispetto alla norma, quota ferma allo 0.11%.

Effetti forse ingigantiti nei bambini di età prescolare, meno resistenti e in fase di crescita. Ma effetti che a lungo termine potrebbero significare anche tre anni di vita in meno, e un rischio crescente per le malattie cardiorespiratorie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brescia: aria inquinata in pianura, danni al DNA dei bambini

BresciaToday è in caricamento