Vivere social, la parola ai millennials: "Facebook non è una piattaforma per giovani"

I sorprendenti risultati dell'inchiesta sull'uso e l'abuso dei social network all'Itis Cerebotani, a cura dei ragazzi del laboratorio di scrittura "Professione Reporter"

Chiariamo subito, è una provocazione. Forse un po' estrema, ma che rende bene l'idea: parafrasando un capolavoro dei fratelli Coen, si può dire che Facebook è ormai un paese per vecchi. O meglio, non è un social network per giovani: senza esagerare, ovvio, ma il dato di fatto è che sono soprattutto i giovanissimi ad allontanarsi sempre più dalla piattaforma social più diffusa al mondo (quasi 2 miliardi e mezzo di utenti attivi), e preferiscono districarsi nelle Stories di Instagram, comunicare con Whatsapp, condividere con l'inossidabile Youtube.

E' questo il dato che più di tutti emerge dall'inchiesta sull'uso e l'abuso dei social network che ha coinvolto gli studenti dell'Itis Cerebotani di Lonato: se il 100% dei ragazzi intervistati utilizza sempre (o quasi) Whatsapp e Youtube, e il 98% utilizza Instagram, solo il 36% è iscritto e attivo su Facebook. Non solo: di questi il 60% sono maggiorenni, tra i 18 e i 19 anni, e 4 su 10 hanno invece 17 anni. In sintesi: nessun under 17 utilizza o ha mai utilizzato Facebook.

I risultati dell'inchiesta

Il metodo d'indagine è semplice ma efficace: un questionario realizzato ed elaborato dagli studenti di "Professione Reporter" il laboratorio di scrittura dell'Itis, nell'ambito dei Progetti Pon per la scuola e quest'anno alla seconda edizione, in cui ai partecipanti – un campione significativo dai 14 ai 19 anni, dalle prime alle quinte – è stato chiesto di rispondere (sinceramente) sui tempi di utilizzo quotidiano dei 12 social network (nel senso più ampio del termine) più diffusi del pianeta, da Facebook a Linkedin, da Snapchat a Viber e così via. I risultati dell'inchiesta. Dei 12 social chiamati in causa sono 7 quelli utilizzati dai ragazzi, il 58%: Facebook, Instagram, Youtube, Whatsapp, Skype, Telegram e Snapchat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come anticipato, in termini percentuali il 100% degli intervistati usa Whatsapp e Youtube, circa il 98% Instagram, solo il 36% Facebook, il 28% Telegram, il 21% Skype, il 7% Snapchat. Ma nella pratica quotidiana sono solo 4 quelli utilizzati ogni giorno: Whatsapp, Youtube, Instagram e Facebook. Altri dati significativi: tra chi lo usa, l'iscrizione più longeva a Facebook risale a 9 anni fa, ma in media viene usato da 5 anni e mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali università fanno guadagnare di più? Brescia tra le migliori d'Italia

  • Tutti a casa fino a settembre: più di uno studente su due ha nostalgia della scuola

  • Premio Scuola Digitale 2020: le scuole bresciane che andranno in finale

  • Covid-19: corsi online (made in Brescia) per lavorare in sicurezza

  • La scuola che guarda al futuro: a Lonato e Iseo arriva TecnicaMente

  • Unibsdays: una giornata (online) dedicata al futuro dell'università

Torna su
BresciaToday è in caricamento