Scuola

Progetto Torelli e alternanza scuola-lavoro: online a Pasqua più di 300.000 nomi

Prosegue spedito anche con la chiusura delle scuole il Progetto Torelli della Società di Solferino e San Martino: entro Pasqua online più di 300mila nomi del Risorgimento

La Torre di San Martino e il castello di Desenzano sono illuminati di tricolore, e tali rimarranno fino alla fine dell’emergenza sanitaria, come a diventare ambasciatori di speranza: l’iniziativa, a cura dell’amministrazione comunale in collaborazione con la Società di Solferino e San Martino, segue di pochi giorni la notizia per cui a breve saranno online, disponibili e liberamente consultabili da tutti, altri 160mila nomi dei soldati del Risorgimento nell’ambito del Progetto Torelli.

Un progetto da 680mila nomi

Il progetto, ricordiamo, prevede la trascrizione in digitale di tutti i nomi (e sono 680mila) di coloro che hanno combattuto nelle tre guerre d’indipendenza e oltre, fino alla presa di Roma: se ne stanno occupando gli studenti di tre scuole nell’ambito di un’alternanza scuola-lavoro. Sono già online circa 140mila nomi, quelli di tutto il Lombardo-Veneto. Ma come detto ne sono già stati trascritti più di altri 160mila, corrispondenti a parte del Regno di Sardegna (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Sardegna): entro Pasqua verranno pubblicate online le province di Alessandria, Cagliari, Genova, Porto Maurizio e Sassari.

Come funziona il lavoro di trascrizione

In cosa consiste il lavoro di trascrizione? Tutti i nomi sono custoditi all’interno di registri manoscritti della Società di Solferino e San Martino, conservati negli archivi del Museo del Risorgimento di Milano. Tutte le pagine dei registri sono state fotografate, e ai ragazzi vengono assegnate queste immagini digitali, da trascrivere in file excel che vengono poi corretti e caricati online in una speciale veste grafica che ripropone l’attestato che veniva consegnato dall’Ente più di un secolo fa.

Le scuole e gli studenti coinvolti

Ad oggi sono queste le scuole coinvolte: il Liceo Bagatta di Desenzano, l’istituto dei Rogazionisti di Rivoltella, gli studenti del Liceo Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. L’attività prosegue anche nelle settimane di chiusura forzata delle scuole, e continuerà ancora: per questo la Società lancia un appello a tutte le scuole secondarie della provincia di Brescia (e non solo), oppure a singoli studenti, anche universitari, e appassionati di storia e Risorgimento disposti a dare una mano nel portare a termine la mastodontica impresa.

Le prossime tappe del progetto

Tra i grandi numeri raggiunti dai singoli trascrittori, si segnala il risultato di Filippo Vecchietti, che dalla Liguria ha già trascritto più di 40mila nomi. Chiunque partecipa, comunque, rimarrà nella storia: al nome del soldato digitalizzato viene infatti affiancato anche il nome di chi l’ha trascritto. Il prossimo anno sarà la volta dell’Emilia Romagna e del Centro Italia, ripercorrendo in questo modo le tappe dell’unificazione italiana.

A questo link è già possibile consultare le centinaia di migliaia di nomi già digitalizzati. I Comuni coinvolti nel Progetto Torelli, e che hanno partecipato anche economicamente all’iniziativa, sono quelli dell’area interessata dalla sanguinosa battaglia del 24 giugno 1859: e dunque Castiglione, Desenzano, Medole, Ponti sul Mincio, Pozzolengo, Sirmione e Solferino.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Torelli e alternanza scuola-lavoro: online a Pasqua più di 300.000 nomi

BresciaToday è in caricamento