Inventari Superiori diventa "On Air": il teatro delle scuole quest’anno va in radio

Niente spettacoli dal vivo e sul palco, ma spettacoli radiofonici e radiodrammi: riparte così Inventari Superiori, il festival di teatro studentesco delle scuole di Brescia e provincia

Era inevitabile, vista l’emergenza sanitaria: quest’anno non sarà un festival come tutti gli altri. “Con rammarico, ma con prudente consapevolezza – fanno sapere da Viandanze Teatro, instancabili organizzatori, in una nota – preso atto della situazione causata dalla pandemia Covid-19, vogliamo condividere la decisione relativa alla sospensione dell’edizione 2020 del Festival di Teatro studentesco Inventari Superiori. Questo almeno nella forma in cui eravamo abituati”.

Dunque niente festival e spettacoli dal vivo, in carne ed ossa, ma l’idea di proseguire comunque l’attività dei laboratori teatrali attraverso i mezzi e gli strumenti a disposizione: è già pronto un progetto di riserva, ma non meno importante, e già concordato con gli istituti superiori coinvolti.

Niente palco, ma spettacoli radiofonici

Si lavorerà alla produzione di spettacoli radiofonici: dei veri e propri radiodrammi, prodotti da studenti e insegnanti nei vari laboratori teatrali, e trasmessi in anteprima, accompagnati da video, attraverso i social di Viandanze e Inventari Superiori (su Facebook e Instagram), per poi essere consultabili in un podcast dedicato su Soundcloud. “Questo è il nostro segno, non di resistenza ma di reazione”, fa sapere il direttore artistico Fausto Ghirardini.

“Crediamo in questo progetto – continua Ghirardini – che sta raccogliendo moltissimo entusiasmo tra gli studenti-attori, fascia della popolazione dimenticata e trascurata da questa emergenza. Chiusi a casa davanti alle video-lezioni, i nostri giovani attori non vedono l’ora di poter tornare ad esprimersi, anche fosse solo con la voce, con video o disegni”. 

Come funzionerà il nuovo progetto

I ragazzi e gli operatori lavoreranno attraverso videoconferenze in cui verranno date indicazioni sulle modalità e le intenzioni con cui recitare il testo. I ragazzi registreranno le loro parti, che verranno poi montate coerentemente con la drammaturgia del racconto. Nasce così Inventari Superiori On Air, prima e unica edizione, almeno per ora. Ma sempre fedeli alla linea: diffondere la pratica del teatro tra i giovani studenti delle scuole superiori di Brescia e provincia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Breve storia di Inventari Superiori

Inventari Superiori nasce nel 1993 a Desenzano del Garda: si apre alla comunità di Ghedi nel 2005 e approda a Brescia nel 2009. Negli anni il progetto è stato sostenuto dai Comuni di Brescia, Desenzano e Ghedi, aprendosi successivamente anche alle realtà di Carpenedolo, Sirmione, Lonato, Pozzolengo e Valtenesi. Il progetto è ideato e curato da Viandanze, in collaborazione con Comune di Brescia, Liceo Calini, Liceo Capirola di Leno e Ghedi, Centro teatrale bresciano, Extraordinario, Associazione ex dirigenti Banca lombarda e piemontese, cooperativa San Giuseppe Roè Volciano, Consiglio di quartiere di Sanpolino. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Lombardia chiude le scuole superiori: tutti a casa da lunedì

  • Brescia: il nuovo Centro di ricerca universitario intitolato ad Alessandra Bono

  • Amazon Prime Student: sconto da 10 euro per i nuovi iscritti

  • "Cinema per le scuole": al via l'edizione 2020/2021

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento