I carabinieri a scuola: incontri in tutta la provincia sulla "Cultura della legalità"

Al via il ciclo di incontri formativi – per ora solo online – dei Carabinieri di Brescia: saranno coinvolte tantissime scuole di città e provincia

La comandante Federica Annalisa Burzio

Buona la prima: sono più di 90 gli studenti dei licei e di altri istituti superiori di Brescia che hanno partecipato al primo appuntamento del ciclo d'incontri incentrato sulla “Cultura della legalità” e promosso dai Carabinieri in collaborazione con l'Ufficio scolastico provinciale. Nel primo incontro (ovviamente da remoto) la comandante del Nucleo operativo e radiomobile Federica Annalisa Burzio ha incontrato i ragazzi, anche se a distanza, presentando loro l'opportunità di accedere al concorso per la selezione di 60 aspiranti Allievi ufficiali così da intraprendere una carriera nell'Arma.

Open day virtuale con l'Arma dei Carabinieri

Si è trattato, a conti fatti, di una sorta di “Open day” virtuale, nel quale gli studenti – anche grazie alla proiezione di un filmato ad hoc – si sono tuffati a pieno nelle diverse realtà operative dell'Arma dei Carabinieri. Ed è soltanto l'inizio: come riferisce il comando provinciale, “sono già diversi gli istituti che hanno messo in programma questi momenti di approfondimento con i Carabinieri, che saranno tenuti da qualificati rappresentanti dell'Arma dislocati sulla provincia, nel rispetto delle vigenti normative anti-Covid”.

Gli incontri proseguiranno infatti fino alla fine dell'anno, con specifiche tematiche legate appunto alla cultura della legalità: educazione ambientale, violenza di genere, sicurezza stradale, uso e abuso di sostanze stupefacenti. In questi giorni anche l'Ufficio scolastico provinciale ha diffuso una circolare a tutti i dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado della provincia, e ai docenti referenti per legalità, bullismo e cyberbullismo, educazione civica.

Cosa prevede l'offerta formativa

L'offerta formativa prevede incontri in modalità online, in considerazione dello sviluppo del quadro pandemico che non ne consente ancora lo svolgimento in presenza. All'iniziativa, che ricordiamo fa parte di un progetto nazionale, potranno partecipare bambini e ragazzi dalla quinta elementare fino alla terza media, e poi tutti gli studenti delle scuole superiori.

Per quanto riguarda eventuali “trasferte”, non si escludono – almeno per la città di Brescia – interventi a scuola con presenza degli stessi carabinieri, ma pure visite guidate a caserme e reparti dell'Arma (in questo caso anche in provincia). Oltre al comando provinciale e alla compagnia di Brescia, saranno coinvolte nel progetto anche le compagnie di Chiari, Verolanuova, Salò e Gardone Valtrompia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccino anti-Covid: a Brescia e in Lombardia al via la campagna per la scuola

  • "La Bussola": formazione e informazione sul mercato del lavoro

  • FameLab, il talent della scienza: aperte le iscrizioni per ricercatori e studenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento