Scuola Borgo Trento / Via Fausto Gamba

Cfp Zanardelli: inaugurato il primo Stem Lab della provincia di Brescia

Porte aperte per il nuovo Stem Lab del Cfp Zanardelli

È ufficialmente aperto il primo Stem Lab della provincia di Brescia, il nuovo laboratorio del Cfp Zanardelli nato per avvicinare ragazzi e ragazze alla cultura scientifica e tecnologica. L'acronimo Stem, ricordiamo, significa Science, Technology, Engineering e Mathematics e dunque si riferisce nello specifico allo studio di queste discipline. Durante l'inaugurazione - avvenuta martedì mattina nella sede di Via Fausto Gamba - alcuni studenti del Cfp hanno dato un assaggio dell'offerta formativa e delle attività previste nello spazio.

Tra queste: le opportunità date dalla microscopia digitale per osservare oggetti, tessuti e immagini; la possibilità di realizzare robot modulari per imparare a programmare; soluzioni creative legate al tinkering (attività pratica) e all'elettronica educativa per imparare la geometria e la matematica. Attraverso il nuovo Stem Lab di Brescia, per ragazzi e ragazze sarà possibile svolgere attività guidate da un educatore scientifico o un animatore digitale, ricorrere all’utilizzo di strumentazioni scientifiche per l’osservazione e la comprensione di fenomeni fisici, curare la progettazione e creazione di oggetti nonché l’esplorazione di materiali, apprendere attraverso sfide ed enigmi con un atteggiamento cooperativo.

Il nuovo Stem Lab del Cfp Zanardelli

Lo Stem Lab del Cfp Zanardelli è strutturato per comprendere 4 aree tematiche:

  • Coding e robotica. Attraverso attività con giochi interattivi, kit didattici e software, ragazze e ragazzi potranno essere avviati alla programmazione informatica e alla costruzione di robot attraverso l’immaginazione e il collegamento di idee. La strumentazione a disposizione per le attività educative comprende Robo wunderkind, Lego mindstorm, Makey Makey, tablet e pc, software e siti dedicati.
  • Smart learning. Potranno essere svolte attività sperimentali di osservazione, misurazione, separazione e creazione di semplici preparati a sostegno della didattica delle materie scientifiche, con l’utilizzo di strumentazione idonea che comprende microscopi digitali, microcopio ottico, microscopio stereoscopico, termometri, bilance analitiche, piani luminosi, vetreria.
  • Tinkering. Ragazzi e ragazze potranno “armeggiare, adoperarsi, darsi da fare”, smanettare per costruire o decomporre oggetti, progettare macchine che si muovono, volano, disegnano, galleggiano, per esplorare materiali o elementi meccanici, creare artefatti originali o reazioni a catena, utilizzando materiale di recupero, attraverso la strumentazione a disposizione per le attività educative che comprende le "piste verticali" e la materioteca.
  • Elettronica educativa. Realizzata attraverso l’attività di progettazione e realizzazione di sistemi e apparati hardware in grado di elaborare grandezze fisiche sotto forma di segnali contenenti informazione, attraverso kit sviluppati appositamente per la scuola; la strumentazione a disposizione per le attività educative comprende LittleBits e Makey Makey.

A chi si rivolge il nuovo Stem Lab

Il nuovo Stem Lab si basa inoltre sul "learning by doing", ovvero imparare attraverso il fare, e sul "cooperative learning", specifica metodologia di insegnamento con la quale gli studenti apprendono in piccoli gruppi, aiutandosi reciprocamente. Lo Stem Lab è rivolto a studenti e insegnanti di tutte le sedi del Cpf, a tutte le classi delle scuole elementari e medie del territorio bresciano, agli adolescenti, famiglie, insegnanti ed educatori. Tutte le informazioni sulla pagina dedicata del portale web del Cfp Zanardelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cfp Zanardelli: inaugurato il primo Stem Lab della provincia di Brescia
BresciaToday è in caricamento