Paradiso: quasi pronta la cabinovia da 1500 persone all'ora

Conto alla rovescia per l'inaugurazione dei nuovi impianti di risalita che dal passo del Paradiso raggiungeranno – lungo un percorso di 2200 metri – la cima del ghiacciaio del Presena. Tutto pronto entro fine mese

Foto di repertorio

Quarantotto cabine in grado di trasportare circa 650 chilogrammi alla volta, almeno otto sciatori in forma. Pronte a collegare – con un 'ritmo' di 1500 persone all'ora – il passo del Paradiso (a quasi 2600 metri d'altezza) alla cima del ghiacciaio Presena, a quota 3000 metri, con un impianto lungo oltre 2 chilometri. Per un investimento nell'ordine di 15 milioni di euro e che sarà completato entro la prossima estate con il nuovo rifugio 'Capanna Presena'.

Sono questi i numeri della nuova cabinovia che andrà a sostituire i 'vecchi' impianti di risalita verso il celebre ghiacciaio Presene, partendo più o meno dal Tonale. Tanti saluti dunque al trentennale servizio di seggiovia e funivia, ormai mezzi di trasporto d'epoca.

Proprio in questi giorni vanno in scena i primi collaudi: mercoledì si sono mosse le prime dodici cabine, da metà mese invece si effettueranno i collaudi 'a peso' – taniche piene d'acqua che sostituiranno il peso 'umano' – e poi, incrociando le dita, entro i primi di dicembre via al percorso vero e proprio. 

Un colpaccio per il turismo della Valcamonica, e dintorni, a cui hanno collaborato le società lombarde del consorzio Adamello Ski. Un investimento appunto da 15 milioni, con cantieri aperti fin dal 2014. Ora è tutto (quasi) pronto: buon divertimento.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento