menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il glam rock ai tempi di Spotify: The Matt Project di nuovo in pista con "Overnight"

Disponibile dal 15 dicembre il quarto album in studio di The Matt Project: “Overnight” rilancia il glam rock in salsa bresciano-veronese

Countdown pre-natalizio, Santa Lucia quest'anno suona il (glam) rock: è in uscita il 15 dicembre “Overnight”, quarto album in studio di The Matt Project – anticipato esattamente un mese fa dall'omonimo singolo – la scatenata band bresciano-veronese formata da Jury Magliolo (voce, basso, tastiere), Carlo Poddighe (voce, chitarra) e Matteo Breoni (batteria). 

Registrato in analogico su nastro, e masterizzato al Poddighe Studio di Brescia prima che divampasse l'emergenza coronavirus, “Overnight” è una “collezione temporanea” di 10 tracce, tutte cantate in inglese, che definiscono l'evoluzione stilistica e sonora del gruppo, orientata verso groove propulsivi e atmosfere retrofuturiste. Per capirci: un viaggio dagli anni Ottanta al 2020 a bordo di una DeLorean, o a seconda dei gusti di una Ferrari bianca stile Miami Vice.

Le "fluorescenti melodie pop" di un "disco artigianale"

Editing e interventi digitali ridotti al minimo per restituire intatto l’impatto sonoro caldo e vibrante del live, dimensione in cui si esprimono eclettici e con alchimia magnetica, The Matt Project hanno lavorato al nuovo progetto come una band glam rock catapultata ai tempi di Spotify: prodotto dallo stesso Poddighe, il disco gravita attorno a un immaginario influenzato da sintetizzatori, batterie elettroniche e fluorescenti melodie pop, pur senza apparire nostalgico o “revivalista”. 

Al contrario, spiegano, “abbiamo cercato di fondere e rielaborare gli echi della musica che amiamo - Prince, Michael Jackson, Sly & the family Stone, Mark Ronson e Arctic Monkeys -, trasportandola verso nuovi orizzonti”. Energizzante come una Red Bull dopo il caffè, estatico come un tramonto a Venice Beach, “Overnight”, prosegue la band, “è un disco ‘artigianale’, istintivo, graffiante, in cui a fare la differenza sono i piccoli dettagli, anche quelli più sfuggenti e impercettibili. Non siamo mai stati grandi fan di virtuosismi e sofisticazioni forzate: le imperfezioni ci fanno sentire vivi”.

Disponibile in digitale e in "limited edition"

Anticipato dai due singoli “Running from the beast” - centrifughe rock’n’roll e ritmi impavidi fra No Doubt e Jamiroquai - e dalla title track, in circolo da metà novembre, “un raggio di luce soul-funk per resistere a questi tempi bui e distanti”, come l’hanno definita allora, il disco è disponibile su Spotify, iTunes e tutte le piattaforme digitali di riferimento, oltre che in edizione limitata su vinile per un’esperienza d’ascolto ancora più intensa e immersiva. L’illustrazione di copertina è stata realizzata da Naive Colours.

Per informazioni e pre-order: themattproject.com. E per gli appassionati che non vedono l'ora, basta un altro clic.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento